Chutney di pomodori verdi

mercoledì, ottobre 05, 2016


I pomodori verdi si friggono, punto.
Nessun assioma è più vero nella nostra cucina, l’unica eccezione alla regola è quella di saltarli in padella assieme ai funghi. Così è stato fin quando non abbiamo provato il chutney di pomodori. La necessità di utilizzare una bella quantità di pomodori verdi è dovuta all’orto e al cambio di stagione. Mio padre sta sostituendo le colture nel suo orto resistente e prima di piantare cavoli, cavoli e ancora cavoli, ha tolto le piante estive. Sono giunti così nella nostra cucina diversi pomodori verdi senza una destinazione precisa.
Una parte sono stati fritti, inutile negare, ma non tutti.
Siamo partite dall’idea iniziale di fare una marmellata, poi ci siamo imbattute in un chutney ai pomodori verdi ed abbiamo virato verso questa direzione.
Se questa parola vi suona nuova, non spaventatevi, siete nel posto giusto.
Il chutney è una salsa di accompagnamento agrodolce, contiene frutta e/o verdura, spezie e zucchero. Si differenzia da una marmellata per il caratteristico sapore agrodolce. Questa salsa trova le sue radici nella cucina Sud Asiatica e può essere sia secca che umida. I chutney vengono utilizzati come condimento per i piatti principali e nonostante siano stati importati in Europa nel XVII secolo, nella nostra cucina non sono molto conosciuti. Al contrario sono molto usati sia nella cucina anglosassone che in quella francese. Noi lo abbiamo utilizzato per accompagnare il formaggio, nulla però vi vieta di provarlo assieme alla carne.

E tu lo conoscevi il chutney?


Chutney di pomodori verdi

Ingredienti per 250:

300g di pomodori verdi
180g di cipolla rossa
100g di zucchero di canna scuro
2 cucchiaini di senape in polvere
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
Sale

Lavate e asciugate i pomodori, dopodiché tagliateli a pezzetti. Pulite la cipolla e tagliatela a fette spesse 1 cm. In una casseruola unite i pomodori, la cipolla, lo zucchero e le spezie. Mescolate bene e lasciate riposare in frigo per un’ora circa.
Trascorso questo tempo togliete dal frigo, salate e mettete sul fuoco. Fate bollire, dopodiché abbassate la fiamma e continuate a cuocere fino a quando il composto non si sarà ritirato ed avrà assunto una consistenza simile alla marmellata. Togliete dal fuoco e versate in vasetti ben puliti ed asciutti.


Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 
QUI!

You Might Also Like

6 commenti

  1. Ho un rapporto conflittuale con il chutney: mi piace mangiarlo ma l'unica volta che ho provato a prepararne uno di ananas è venuta fuori una mezza schifezza. Devo controllare nell'orto come sono messa a pomodori verdi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per noi è stata la prima volta, però ne siamo rimaste entusiaste. Credo dipenda molto anche dall'equilibrio che si crea tra gli ingredienti, i pomodori che avevamo erano piuttosto agri. Se lo provi, se ti va, facci sapere come va a finire :)

      Elimina
  2. Vero, anch'io non avevo visto i pomodori verdi se non fritti. E questa ricetta mi piacissimo, un po' per la nuova insolita veste dell'ingrediente principale, un po' perchè, da amante dell'agrodolce, non posso non apprezzare i chutney!
    Un abbraccione care!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni e anni passati a mangiarli solo fritti. Nessun'altra declinazione, a questo giro ne avevamo talmente tanti che friggerli tutti non sarebbe stato possibile. Per noi è stata una scoperta, sicuramente non è adatto a chi non ama l'agrodolce, ma per chi lo ama è una cosa buonissima!

      Elimina
  3. Sarei proprio curiosa di assaggiarlo, mi intriga proprio tanto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella nostra cucina è stata una piacevole novità :)

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe