Crêpes di zucca con fonduta di taleggio

giovedì, ottobre 13, 2016


Un paio di giorni fa, scendendo le scale di casa che portano in giardino, sono rimasta stupita di fronte allo spettacolo che mi si mostrava d’innanzi. Il cielo limpido, di un azzurro pieno di saturazione, la chiesetta del paese che si stagliava tra le nubi dall’alto della collina di fronte, i campi ancora verdi e una luce calda che avvolgeva il tutto. Quella luce, lontana da quella accecante dei mesi estivi, dava l’impressione di riscaldare quella punta di freddo che si iniziava a sentire nell’aria.
Mi sono soffermata, ho pensato “adesso scatto una foto” e poi  invece sono rimasta immobile; ho lasciato che quelle immagini si imprimessero nella mia mente, piuttosto che nella memoria del telefonino. Volevo che quei colori restassero così come li vedevo piuttosto che alterati dalla scarsa qualità di una fotocamera.
Mi sono bloccata in contemplazione per qualche secondo, innamorandomi di questa nuova luce autunnale.
Amo l’autunno, quando c’è il sole sia chiaro, come amo l’estate con i suoi suoni e silenzi.
Capirete perché l’arrivo di questa stagione vada festeggiato degnamente. Per farlo abbiamo scelto la zucca, regina di ottobre, per riempire delle crêpes. Per quest’ultime ci siamo affidate ad una ricetta tratta da una delle prime sfide dell’MTC e le abbiamo poi completate con un ripieno di zucca e una fonduta di formaggio taleggio. Memori di uno dei primi esperimenti di crêpes apparsi sul blog, eravamo perplesse sulla buona riuscita della presentazione del piatto, ma direi che stavolta abbiamo avuto la nostra personale rivincita contro il così detto “mostro”



Crêpes di zucca con fonduta di taleggio

Ingredienti per 2-3 persone:
Per le crepes:
175g di latte
75g di farina 0
25ml di acqua
1 uovo medio
un pizzico di sale
burro per cuocerle

Per il ripieno
450g di zucca
1 porro piccolo
peperoncino
sale e pepe
olio extravergine d’oliva

Per la fonduta
100g di taleggio
50ml di latte

Rosmarino

Pulite la zucca, privandola della buccia e dei semi e tagliatela a cubotti di 2 cm di lato al massimo. In una padella fate appassire il porro tagliato a rondelle sottili con un filo d’olio. Aggiungete la zucca e lasciate cuocere, mescolando di tanto in tanto. Unite il peperoncino, e aggiustate di sale e pepe.
In una ciotola rompete l’uovo e sbattetelo leggermente. Incorporate alternando la farina e la miscela latte/acqua continuate così fino ad ottenere una pastella liscia e senza grumi. Aggiungete il sale e lasciate riposare per un’ora. In un pentolino, fate sciogliere una noce di burro, scaldate la padella dopodiché versate la quantità necessaria di pastella. Fate ruotare la padella per spargere in maniere uniforme la pastella e fate cuocere fino a che non acquista un colore dorato. Girate la crêpes e terminate la cottura anche dall’altra parte.
Riempite le crêpes con la zucca appassita in padella e disponetele in una pirofila leggermente imburrata.
Tagliate il taleggio a dadini e aggiungetelo al latte. Mettete il tutto in un pentolino a fiamma bassa e fate sciogliere il tutto fino ad ottenere un composto cremoso.
Versate sulle crêpes, distribuite qualche ago di rosmarino ed infornate il tutto per 10-15 minuti a 200°.


Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 
QUI!

You Might Also Like

12 commenti

  1. Non sarebbe autunno senza la zucca! Mi piace da impazzire! Ottima l'idea di usarla come ripieno per le crepes....non ci ho mai pensato. Immagino poi la delizia abbinata al taleggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza la zucca che senso ha l'autunno?! Utilizzarla come ripieno si presta molto bene e con il taleggio si sposa che è una meraviglia!

      Elimina
  2. Questo abbinamento mi attira molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi ha convinto molto, li per li temevamo che il taleggio potesse ammazzare la zucca, al contrario insieme stanno molto bene!!

      Elimina
  3. Ognuno ha i propri mostri nell'archivio (del blog) ed è più che lecito prendersi delle rivincite. Questa mi sembra riuscita alla perfezione, sia nella realizzazione delle crepes che nello scatto. Bellissima ricetta autunnale, e molto suggestiva la descrizione iniziale. Ultimamente capita anche a me di rinunciare a uno scatto per osservare e incamerare quel che vedo, e la trovo un'ottima abitudine.
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Con lo smartphone sempre a portata di mano si tende a sentire il bisogno di incamerare tutto nella memoria del telefonino, io finisco poi dopo un po' di tempo a non ricordare tutto quello che ho immortalato. Spero che fermarmi ad osservare qualcosa che mi ha colpito per qualche minuto e imprimerlo nella mia mente faccia sì che mi resti un po' più negli occhi. Come dici te è un'ottima abitudine. Un bacio

      Elimina
  4. La zucca colora l'autunno ed è buonissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io personalmente l'adoro, quindi non sai quante ricette ci farei :)

      Elimina
  5. è una vita che non preparo le crepe, mi avete fatto venire una gran voglia!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi era davvero tanto che non le facevamo, siamo sempre a provare cose nuove che spesso lasciamo indietro ricette affidabili come l'impasto di queste crêpes!! Un abbraccio

      Elimina
  6. Zucca e taleggio è un matrimonio perfetto, già provato nelle lasagne, nei cannelloni, ma mai nelle crepes! Peste mi colga!
    Da provare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco adesso io devo provare l'abbinamento zucca-taleggio nelle lasagne e cannelloni, mi hai fatto venire una gran fame (ed ho già cenato)!!
      Un abbraccio

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe