Polpettone vegetariano

giovedì, aprile 07, 2016


Il pedante in cucina si chiede “perché un libro di cucina dovrebbe essere meno preciso di un manuale di chirurgia?”; davanti ad una ricetta inizia a domandarsi quanti g corrispondono ad un “tocchetto” e come quantificare una “manciatina”. Non sono io a descriverlo così ma Julian Barnes, nel suo omonimo libro. I termini “una tazza di…” un “goccio” lo mandano in paranoia mentre ancora si sta chiedendo qual è la dimensione di due cipolle medie.
Mentre leggevo le pagine del libro mi rendevo conto di essere l’esatto opposto del “pedante” e soprattutto di quanto le mie ricette rispecchiassero questo mio modo di interpretare la cucina. Nelle mie ricette non troverete mai (o quasi) il peso delle cipolle e per indicarvi il prezzemolo userò spesso l’espressione “un bel ciuffo”. Non odiatemi, vado solo a buonsenso. Non vale poi la regola “ricetta precisa = ricetta ben riuscita”. Prendiamo come esempio il polpettone di questo post, il primo tentativo fu fatto seguendo alla lettera un procedimento tratto da un ricettario. Il risultato fu a dir poco disastroso. A fine cottura il polpettone agonizzava spiaggiato sulla carta forno, senza più una forma e cosparso di profonde crepe. Ci abbiamo riprovato mettendoci del nostro e aggiungendo le uova per dare una maggiore consistenza all’impasto. Stavolta siamo riuscite nell’intento e abbiamo portato in tavola un qualcosa, oltre che buono, anche piacevole alla vista. La pedanteria quindi non sempre paga, ogni tanto ci vuole un po’ di intraprendenza e fantasia, anche in cucina.



Polpettone vegetariano

Igredienti per 4 persone:

700g di patate
100g di spinacini freschi
1 costa di sedano
1 carota
1 scalogno
1 uovo e un tuorlo
50g di parmigiano grattugiato
50g di pangrattato
1 ciuffo di prezzemolo
Noce moscata
Sale e pepe
Olio extravergine d’oliva

Lessate le patate in abbondante acqua. Tritate con l’aiuto di una mezzaluna il sedano, la carota e lo scalogno. Fate appassire il trito in una padella con un filo d’olio. Quasi a termine cottura aggiungete gli spinacini lavati e tagliati a pezzetti. Basterà pochissimo per farli appassire. Una volta cotte le patate, lasciatele intiepidire, sbucciatele e schiacciatele all’interno di una ciotola. Aggiungete le verdure, il prezzemolo tritato, il parmigiano e il pangrattato e mescolate bene. Unite l’uovo e il tuorlo, aggiustate di sale, pepate e aggiungete la noce moscata. Amalgamate il tutto. Rivestite uno stampo da plumcake con della carta forno. Modellate l’impasto e dategli una forma allungata e cilindrica. Disponete il polpettone all’interno dello stampo da plumcake e spolverate la superficie con il pangrattato. Irrorate con un filo d’olio e infornate in forno preriscaldato a 200 °C per 30 minuti o fino a che non sarà bello dorato in superficie.




Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 

QUI!


You Might Also Like

5 commenti

  1. Oddio!!! Io sono troppo "il pedante in cucina"..Sono anchè "lo scettico del vegetariano" ma questo polpettone sembra buonissimo!

    RispondiElimina
  2. Quanto mi piacciono questi polpettoni... perfetto di sole verdure!!!

    RispondiElimina
  3. io amo preparare il polpettone...
    ammetto che poi lo uso, spesso, come espediente svuota frigo, e questo verdure only, mi ispira particolarmente

    RispondiElimina
  4. Oggi ho cucinato il vostro polpettone. Veramente buono.!

    RispondiElimina
  5. Oggi ho cucinato il vostro polpettone. Veramente buono.!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe