Brioche farcita alle pesche

giovedì, settembre 12, 2019

Immagine con due brioche farcite con pesche a pezzi su piatto bianco e tazza di tè


Giugno è volato, luglio che sembrava infino è corso veloce, con i suoi weekend salati e sabbiosi poi agosto il mese del viaggio e del riposo.

Settembre è sempre il mese che porta un nuovo anno.

L’astuccio nuovo, i colori da allineare i quaderni bianchi su cui scrivere, questo è settembre, anche dopo anni che si è finito le scuole. Il nono mese del calendario mi fa tirare una riga e progettare cose nuove, nuove avventure. Ci sono delle idee, che pur essendo ancora ad uno stato embrionale mormorano nella testa, c’è l’impegno, che qui dichiaro a gran voce, di voler continuare a fare seguire le parole alle immagini.

La prima ricetta di questo “nuovo” anno è una brioche per la colazione da campioni, una brioche di fine estate, che doveva andare online la settimana scorsa, ma approda solo ora. (Sopra ho detto impegno, non certezze)
Brioche semi integrali farcite con pesche.  
L’impasto base non prevede latticini, si mantiene morbido per un paio di giorni, non è troppo dolce. La parte zuccherina è lasciata alla frutta, è quindi opportuno che sia ben matura e dolce. Io ho usato una parte di farina integrale, per ottenere un gusto un po’ più rustico, potete utilizzare anche solo farina 0, otterrete un sapore diverso, ma non avrete problemi di lievitazione.
Il ripieno può essere cambiato a proprio piacimento, con frutta diversa oppure con della marmellata, fermo restando che siamo dolci.
I tempi, come tutti i lievitati la temperatura e l’umidità sono gioco forza di un buon risultato finale, queste brioche sono state preparate in un caldo pomeriggio di inizio settembre, se la temperatura esterna fosse inferiore ai 20°è opportuno far lievitare l’impasto in forno con la luce accesa (forno spento).
Marta

Girandole di brioche alle pesche

Brioche farcita alle pesche

Ingredienti per 8 brioche monoporzione:
180 gr farina 0
70 gr farina integrale
1 uovo medio
50 gr di zucchero
4 gr di lievito di birra disidratato
65 ml di acqua tiepida
65 ml di olio extra vergine d'oliva
5 gr di sale

Per il ripieno:
2 pesche noci

Zucchero di canna
2 cucchiai di latte (facoltativo)

Setacciate assieme le farine mischiandole. Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida*, insieme ad un cucchiaino di zucchero. Fate riposare, per almeno 10 minuti, fino a che non si formerà una schiuma in superficie.
Unite alle farine lo zucchero, versateci il lievito ed iniziate ad impastare, meglio con un cucchiaio di legno. Inserite l’olio ed in seguito l’uovo. Infine unite il sale. Continuate ad impastare fino a quando questo non si staccherà dalla ciotola, lasciandola pulita. Lasciate lievitare per almeno due ore, meglio se in forno a luce accesa. Trascorso questo tempo, sgonfiate l’impasto e dividetelo in otto salsicciotti. Su una spianatoia infarinata stendente la pasta formando strisce alte 4 cm e lunghe circa 20. Disponete sul lato lungo dell’impasto le fettine sottili di pesca, lasciando metà striscia vuota. Ripiegate il lembo di pasta sguarnito sopra l’altro e arrotolate le strisce su se stesse.
Adagiare su una placca da forno rivestita di carta forno e lasciate lievitare per altre 2 ore. Una volta lievitato nuovamente spennellate con il latte e spolverate con lo zucchero di canna. Infornate in forno già caldo per 15-20 minuti a 200°.
Sfornate e servite.

* Nota: esistono tipo di lievito di birra secco che non necessitano di essere sciolti in acqua. Leggete sempre le indicazioni sulla busta, nel caso in cui non fosse necessario, unite il lievito direttamente alla farina.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe