La svizzerina di Gullit

martedì, gennaio 17, 2012


Da piccola mia sorella mangiava pochissimo e solo determinate cose. Il suo pasto tipo consisteva in un piatto di pasta in bianco, detestava il sugo al pomodoro e quasi tutte le verdure (tranne le patate). Per farla mangiare la mia mamma si inventava sempre nuove storie ed espedienti: il latte per la colazione, lo portavano le mucche celestina e bianchina mentre l’hambuger era lo stesso che mangiava Gullit. Si perché a quel tempo, mia sorella era una fan del Milan e in particolare di Ruud Gullit.
Quindi per farle mangiare la svizzera, le dicevano che era il piatto preferito del suo beniamino. Il trucco riusciva, così anch’io dopo aver cucinato questi hamburger vegetariani, sapendo benissimo che non li avrebbe mangiati, ho provato a dirle “ma è la svizzerina di Gullit!!!”.
Ho capito però di non avere il potere di persuasione di una mamma (e che mia sorella è ormai cresciuta!).
Questo hamburger soddisferà vegetariani e non. Io l’ho accompagnato con della lattuga e una fetta di fontina, ma si può abbinare anche ad altri tipi di insalata (come la valeriana o la rucola), a degli spinaci freschi o a delle fette di pomodoro (quando è periodo). Insomma, sbizzarritevi!!
Insieme all’hamburger, per creare un vero menù da fast food “de noattri” (che è molto ma molto più buono di quello vero), ho servito delle patate alla paprika, che invece di essere fritte sono state cotte in forno.
Vi consiglio di preparare con leggero anticipo questo hamburger ed eventualmente di riscaldarlo in un secondo momento per farcire il panino, mi sono accorta infatti che è molto più buono e saporito passato un po’ di tempo dalla cottura, piuttosto che appena sfornato.



Ingredienti per 8/9 hamburger
375g di fagioli borlotti già lessati
80g di riso bollito
1 carota piccola
½ cipolla
100g di pangrattato
1 cucchiaino di paprika
1 cucchiaino di origano
1 cucchiaino di basilico
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 pizzico di peperoncino
Sale e olio qb
                    
Scaldate un cucchiaio d’olio in una padella e fate appassire la carota e la cipolla tritate finemente. Passate i fagioli borlotti con il passaverdure per ottenere una crema, alla quale aggiungerete il soffritto, il riso bollito e il pangrattato. Mescolate il tutto, regolate di sale e aggiungete la paprika, l’origano, il basilico, il prezzemolo e il peperoncino. Dividete il composto in porzioni più piccole e formate degli hamburger. Infarinateli leggermente, distribuite sulla loro superficie un filo d’olio e cuoceteli in forno a 200 °C fino a che non avranno una consistenza più compatta (15 minuti dovrebbero bastare).

Per le patate alla paprika (le dosi sono ad occhio):
In un sacchetto da freezer mescolate dell’olio con la paprika e il sale. Sbucciate le patate, tagliatele a bastoncini e asciugatele. Mettetele nel sacchetto e scuotetelo in modo tale che le patate si condiscano. Ponete le patate su una placca ricoperta da carta forno, cuocete a 220 °C, fino a quando le patate non saranno cotte.

You Might Also Like

9 commenti

  1. in casa tutti sarebbero felici e vuoi mettere al confronto del mac!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho conquistato tutti!(tranne mia sorella ovviamente)

      Elimina
  2. L'hamburger sembra buonissimo!!
    E il metodo di condimento delle patate è geniale! Le faro' la sera prima di andare (finalmente) al primo appuntamento della dietista, per salutare degnamente il mondo dell'alimentazione normocalorica...

    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova anche l'hamburger :)!
      E poi sono entrambi cotti in forno, li puoi considerare una versione light di hamburger e patatine fritte...

      Elimina
  3. ideona comunque tua mamma era formidabile ahahahahahhah
    Adoro fare gli hamburger pure io in casa ma di cuocerli in forno mai pensato ... Annoto

    RispondiElimina
  4. Non sai quante ne ha inventate per farla mangiare!

    RispondiElimina
  5. ste patate mi ispirano davvero, anche ilveggaburger, ma le patate alla paprika....le DEVO provare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provale!!cotto in forno sono più leggere di quelle fritte, ma sono ugualmente gustose!

      Elimina
  6. Che bello questo blog!! Complimenti!! Queste patate le provero di sicuro! Complimenti ancora e passate pure da me se vi va ;-) Bacione dalla svizzera! Lori

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe