Un po' di Grecia anche a Natale

venerdì, gennaio 27, 2012



Prima delle vacanze di natale a lavoro abbiamo organizzato un pranzo. Il gruppo del caffè della mattina, depresso dal dover passare anche l’antivigilia di natale alla mensa, si è dato da fare e ha trasformato un’auletta studio in una sala da pranzo addobbata a festa. Ognuno avrebbe dovuto preparare qualcosa e non avendo molto tempo, avrei voluto portare un dolce. Ma si sa, i dolci sono sempre la scelta più inflazionata,così ho dovuto ripiegare su un piatto salato. Questo cambiamento di programma ha permesso alla temeraria che è in me di sperimentare una nuova ricetta: questo antipastino semplice e simpatico che profuma di Grecia. E così la “temeraria”, dopo una giornata lavorativa e il corso intensivo di inglese si è ritrovata, affiancata dall’insostituibile sorella, a confezionare tartellette, per il mega pranzo del giorno seguente. A giudicare dalla rapidità con cui sono spariti, il risultato non è stato affatto male!



Ingredienti per 12 tartellette:
175g di pasta frolla
1 uovo e 1 tuorlo
300 ml di panna
115g di feta
Olive nere snocciolate
Sale e pepe

Per la pasta frolla ho utilizzato una ricetta di Luca Montersino, togliendo lo zucchero, la potete trovare qui.
Imburrate 12 stampini (io ho usato quelli da muffin).
Su un piano di lavoro leggermente infarinato, stendete la pasta in una foglia di 3 mm di spessore e ritagliate dei dischi con cui foderare gli stampini. Non è necessario fare i bordi di queste tartellette alti quanto lo stampino, basta un’altezza di 1 cm.
Cuocete in bianco nel forno già caldo a 190°C per 15 minuti, adagiando sulla superficie delle basi di pasta frolla della carta forno e riempiendole con dei legumi secchi che fungono da peso. Trascorsi 15 minuti, togliete i fagioli e la carta da forno e cuocete per altre 5 minuti.
Sbattete in una terrina l’uovo i tuorli e la panna, una presa di sale e una manciata di pepe. Sbriciolate la feta sulle basi di pasta, quindi versatevi sopra il composto di uovo sbattuto. Disponete sopra ogni tortino mezza oliva nera e mettete a cuocere le tartellette nel forno già caldo a 200 °C, finché il ripieno non si sarà rassodato. Servite le tartellette tiepide o fredde.

You Might Also Like

9 commenti

  1. sono bellissimi...davvero non ho mai sperimentato la frolla salata, l'ho assaggiata di montersino ma non mi ci sono mai cimentata...adesso ci provo seguendo le tue indicazioni!

    RispondiElimina
  2. Io l'ho seguita pari pari, togliendo lo zucchero. In questo caso, visto che la feta è molto saporita ho provato a non mettere il sale nella pasta frolla, per altre preparazioni penso però che un pò di sale nell'impasto sia necessario!

    RispondiElimina
  3. davvero interessanti queste tortine! Non l'ho mai provata, ma mi intriga la frolla salata...da oggi ti seguo, se ti va passa da me! Buon weekend!

    RispondiElimina
  4. Anch'io vorrei averti come collega :) Ma non solo per la vigilia di Natale queste leccornie!! :)

    RispondiElimina
  5. :) diciamo che a lavoro non ci facciamo mancare niente sotto questo punto di vista, compleanni e feste varie sono sempre un pretesto per mangiare!

    RispondiElimina
  6. Trovarne di colleghe come te ;) ma anche amiche, vicine di casa, ecc...

    RispondiElimina
  7. Buoniiiiii!!!! Li provo di sicuro!
    Io ero convinta che la pasta frolla salata fosse la brisé! *me ignorante* seconto te viene bene anche con quella? (la compro già fatta, mea culpa :p)

    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si secondo me anche la brisé può andar bene!Eventualmente, so che si trova anche la frolla già pronta (almeno qui), basta stare attenti a non prendere quella dolce!

      Elimina
  8. Deliziose! Come l'intero blog :-) A presto!!!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe