Frittelle di borragine

mercoledì, marzo 20, 2013


Il weekend appena trascorso ci ha regalato un anteprima di questa primavera che tarda ad arrivare. Sprazzi di primavera brevi e fugaci. Ho approfittato della bella giornata per fare una passeggiata sul colle che guarda Cerreto. Ho goduto del sole camminando lentamente, senza correre a perdifiato, beneficiando di tutto di quello che mi circondava, diversamente da come facevo da piccola. Proprio in primavera iniziavano le escursioni con le mie cuginette: ci ritrovavamo tutte a casa di nonna e trascorrevano interi pomeriggi a scorrazzare nei fossi puliti per poi tornare alla base stanche, sudaticce e contente. Eravamo una banda, la banda Indiana Jones. Sempre alla ricerca di un tesoro come quello di Willy l’Orbo, di solito tornavamo con qualche conchiglietta rotta e sporca di terra e un mazzo di fiori appassiti. Ogni tanto qualcuno tornava a casa prima delle altre, con lo sguardo accigliato e gli occhi rossi, ripromettendosi di non farsi più trascinare in quegli stupidi giochi. L’avventura terminava a pomeriggio inoltrato quando le voci dei grandi ci richiamavano all’ovile. Sabato, visto il bel tempo sono partita alla ricerca del mio nuovo tesoro: le erbe spontanee. Avrei voluto ritornare a casa con dell’ortica, mi son dovuta accontentare della borragine. Dopo averla utilizzata per gli gnocchi di ricotta dell’anno scorso, ho pensato di provare una ricetta tipica della cucina ligure: le frittelle di borragine. Buonissime se addentate calde, mentre si inganna il tempo in attesa del pranzo (ma anche della cena eh!).



Frittelle di borragine
300g di borragine
un ciuffo di basilico
un rametto di maggiorana
2 uova
2cucchiai di farina
sale e pepe
olio per friggere

Lavate la borragine raccolta e sbollentatela per un paio di minuti in acqua bollente. Strizzatela bene e tritatela grossolanamente e lasciatela raffreddare. Sbattete le uova con sale e pepe e aggiungete i due cucchiai di farina. Tritate le erbe aromatiche e aggiungetela alle uova. Aggiungete la borragine all’impasto.
In una padella portate a temperatura l’olio e friggete l’impasto a piccole cucchiaiate. Quando le frittelle si sono ben dorate, toglietele e lasciatele scolare su carta assorbente. Salate e servite ben calde.

(english version)

300g of borage
a bunch of basil
a bunch of marjoram
2 eggs
2 tablespoons flour
salt and pepper
oil
  
Rinse the borage and then cook it for about 2 minutes in boiling water. Squeeze and chop it roughly. Set aside to cool. In a bowl, whisk the eggs with salt and pepper. Then stir in the flour. Mince the basil and the marjoram and add them into the batter. Finally, stir in the borage. Drop the batter with a teaspoon into the hot oil. Turn the fritters so that they can become golden on all sides. Cook the fritters until golden and when ready put them in a dish with kitchen papers, to absorb the excess oil.







You Might Also Like

22 commenti

  1. Che carina quest'immagine bucolica...e buone queste frittelle...mi fanno decisamente primavera. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se proprio devo essere sincera non è che fosse molto bucolica..tornavamo, diciamo, "poco pulite" e con la nonna incavolata perché ci eravamo allontanate troppo! :))

      Elimina
  2. Tu sul colle che guarda Cerreto ed io sul colle che guarda Vinci....
    Buone queste frittelle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh direi che siamo entrambe molto fortunate!!!La smettesse di piovere e arrivasse la primavera lo saremmo ancor di più!

      Elimina
  3. Che bello passeggiare in campagna, mi sento in pace con il mondo.
    Dieci e lode per le frittelle di borragine, te lo dice una ligure :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!Ho un libro sulla cucina ligure e ho già una lista di piatti da provare, quindi questa è la prima di una lunga serie :)

      Elimina
  4. ma come accontentare!?!?io darei un braccio per avere un po' di borragine :P
    ecco ora mi è venuta una voglia incredibile di pansotti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!associazione strana di idee ^_^
    ad ogni modo le frittelle sembrano buonissssssime...da provare!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quando hai un'idea in testa e poi non la puoi realizzare??Io è da un po' che penso ad un modo per usare l'ortica...quindi la devo trovare!Ma lo sai che non li conoscevo i pansotti??Sembrano buonissimi!

      Elimina
  5. OMG, che meraviglia! Mi fai venire l'acquolina anche a quest'ora... non sapevo che fossero tipiche liguri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, si trovate su un libro di cucina tipica!

      Elimina
  6. mi sono innamorata di tutto! e chi sa apprezzare le umile erbe spontanee per me è davvero speciale...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, anche noi di te..sono proprio contenta di essere capitata sul tuo blog!

      Elimina
  7. Bellissimi i ricordi d'infanzia in campagna! Fortunata tu ad averla ancora vicina e sperare di raccogliere l'ortica!
    Anche la borragine è un magnifico regalo della primavera, complimenti per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!Beh la campagna ha i suoi pro e i suoi contro, noi cerchiamo di sfruttare al massimi i primi!

      Elimina
  8. non ho mai mangiato la borragine, forse è arrivato il momento di farlo...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si è giunto il momento!!In questo periodo i campi ne sono pieni, approfittane!

      Elimina
  9. che bei ricordi!!!! mi hai fatto ricordare che l'anno scorso ho raccolte le ortiche e le ho trovate buonissime.. la borragine non la conosco ma l'aspetto dell frittelle è invitante, devono essere molto buone!!! ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho avuto l'occasione di assaggiare l'ortica solo una volta, mentre di borragine ne ho i campi dietro casa pieni!

      Elimina
  10. Che buone, le ho mangiate solo una volta, mi è tornato improvviso il ricordo del sapore... :-)

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe