Polpette di manzo con fave e limone

giovedì, maggio 16, 2019



Prendi una ricetta e trattala male.
Sì, avete letto bene.
Sì, è una semi citazione.

Scegliere Marco Ferradini come incipit, per iniziare a raccontare una ricetta, può sembrare poco furbo. Da quando però questa frase mi si è impressa nella mente , non sono più riuscita a togliermela dalla testa.
“Prendi una ricetta e trattala male” è una faccia della medaglia di quello che è andato in onda domenica scorsa in casa della cucina spontanea. L’altra faccia è il racconto di come apportare modifiche ad un piatto quando non si hanno tutti gli ingredienti a disposizione.

Per mesi ho bramato una ricetta di Ottolenghi: le polpette di manzo con fave e limone. La foto e la descrizione su come realizzare il piatto attivavano in me la salivazione ed una fame insaziabile. Ho un radar speciale, che intercetta le ricette fuori stagione, così per soddisfare il mio appetito, anche stavolta, ho dovuto attendere tutto l’inverno e buona parte della primavera. Attesa durata fino alla scorsa questa domenica, quando però di fronte ai fuochi della cucina mi sono accorta di:
- non avere il macinato di agnello;
- aver dimenticato la menta;
- essere sprovvista di misto spezie baharat.
L’assenza di tutti questi ingredienti non mi ha fermata, ma mi ha portato a trasformare la ricetta in questione in qualcos’altro. Le polpette di manzo di oggi non sono quelle descritte  da Ottolenghi, ma sono delle buone polpette e il bel finale di un qualcosa iniziato con il piede sbagliato.

Cosa ho cambiato e come ho risolto le mancanze.
La carne di agnello oltre al sapore, avrebbe conferito una consistenza diversa alle polpette. Sarebbero state più tenere, per questo ho aggiunto mezza patata. Il sapore non potevo ricrearlo, ma la morbidezza sì. Alla freschezza della menta ho preferito il profumo pungente del timo. Per il baharat mi sono arrangiata, essendo in mix di spezie ho aggiunto all’impasto di carne una parte di quelle previste che avevo in casa.

Bramo ancora le polpette di manzo con fave e limone di Ottolenghi ma sono soddisfatta di aver trovato un buon compromesso e non aver concluso in fallimento quello che poteva sembrare l’inizio di una piccola tragedia culinaria.
Marta


Polpette di manzo con fave e limone

Ingredienti per 20 pezzi:
400g macinato di manzo
1 patata piccola lessata
½ cipolla bianca media
80 g pangrattato
2 cucchiai di prezzemolo
2 spicchi d’aglio tritati
1 cucchiaino di semi di coriandolo macinati
1/2 cucchiaino di semi di cardamomo
2 cucchiaini di capperi sminuzzati
Sale
Pepe
1 uovo

Per l’accompagnamento:
600 g di fave da sgranare
4 rametti di timo
1 cipolla di tropea
2 ½ cucchiai di succo di limone
500 ml di brodo vegetale
Sale e pepe

In una terrina mescolate tutti gli ingredienti per le polpette: il macinato, la patata, la cipolla, il pan grattato, l’aglio, il prezzemolo, le spezie, i capperi e l’uovo. Unite tre quarti di un cucchiaino di sale e abbondante pepe nero. Amalgamate con le mani e con la mistura preparate delle sfere della dimensione di una pallina da ping pong. In una padella scaldate l’olio, rosolate le polpette per 5 minuti rivoltandole, in modo che la superficie diventi dorata. Togliete la padella e pulitela con della carta assorbente.
Scaldate nuovamente l’olio e fate appassire la cipolla di tropea e il timo a fiamma media. Unite le fave, il succo di limone e circa 80 ml di brodo, un quarto di sale e pepe nero. Coprite e lasciate cuocere per 10 minuti.
Rimettete le polpette in padella assieme alle fave, aggiungete il brodo rimasto e lasciate cuocere con il coperchio per 20 minuti. Aggiustate di sale e servite.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe