Hamburger dell'orto con chips di patate

venerdì, giugno 19, 2015


L’ultima volta che ho tentato l’impresa “hamburger”, ho sfiorato il disastro sfornando dei panini talmente duri da sembrar sassi. Talmente duri che sarebbero potuti diventare un’arma, se lanciati in testa ad un malcapitato di turno. Per fortuna in quell'occasione è intervenuta mia cognata e la sua scorta di panini super buoni preparati con il lievito madre e conservati in freezer per ogni eventualità. L’eventualità in quel caso ero io e la mia cena “panini gourmet”…senza panini. Potete capire quindi il mio sconforto una volta scoperto il tema della sfidan° 49 dell’mtchallenge: il classico hamburger americano con tanto di panino preparato con le nostre mani. Arianna ci ha messo di fronte ad una ricetta e ci ha costretto a riprovare là dove ormai avevo gettato la spugna. C'è ancora tanto da migliorare ma dei piccoli passi avanti sono stati fatti, da quei sassi tondi e bruniti sfornati qualche tempo fa. Mentre affrontavo la mia bestia nera, la mia compare si occupava del suo accompagnamento, friggendo patatine buone come quelle confezionate (e pure più sane). La nostra proposta arriva direttamente dall’orto del babbo: zucchine e basilico sono infatti stati raccolti dal campo dietro casa e direttamente utilizzati per il nostro hamburger. Nonostante il nome “fast food”, questo hamburger richiede tempo visto il numero di passaggi previsti per arrivare al confezionamento finale. Sono presenti quindi tante ricette nella ricetta, come quella della maionese al basilico che per noi è stata una vera scoperta e quella delle patatine fritte.  



 

Hamburger dell’orto con chips di patate
Ingredienti per 4 panini

Ingredienti per 4 buns con lievito di birra (ricetta di Arianna):

250 g di farina (00 e 1 o Manitoba al 50%)
130 g di latte 
20 g di burro 
10 g di zucchero
5 g di strutto (per chi non potesse sostituibile con il burro)
5 g di sale
4 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
1 uovo
un goccio di latte
Semi di sesamo e papavero

Per la polpetta
300 g di carne tritata di manzo
200 g di carne tritata di maiale
2 cucchiai di fiocchi di patate
1 pizzico di noce moscata
Sale e pepe

Per la maionese
2 uova
Olio di semi
2 cucchiai di succo di limone
Basilico
sale

200 g di zucchine
8 fette di pecorino non stagionato

Per le chips di patate:
1 kg di patate (4 patate grandi)
aceto
Olio di semi

Per i panini: Intiepidite il latte, sciogliete il lievito con il miele e lasciar riposare per una decina di minuti. In una ciotola di vetro capiente setacciare la farina, formare una fontana, versare il latte poco per volta e lasciarlo assorbire mescolando con un cucchiaio di legno.  Aggiungete lo strutto ed il burro a temperatura ambiente, unite poi il sale e lo zucchero. Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeno. Coprire con della pellicola e un panno e lasciar lievitare fino al raddoppio (1-2 ore). Prendere l'impasto, sgonfiatelo leggermente cercando di formare un rettangolo che poi piegherete (più o meno come un asciugamano): dividetelo idealmente in tre parti, sovrapponete la parte di destra al centro ed idem con la sinistra (al centro, sopra la destra). Ora rigirate di 90° e fate lo stesso.
Fate riposare così l'impasto, con la chiave (la parte della piega) rivolta verso il basso e coperto da un panno per una mezz'oretta.  Formate poi i buns (con queste dosi mi vengono 4 panini da circa 80-90 g l'uno). Poggiarli su una teglia coperta da carta da forno e con il palmo della mano schiacciarli leggermente.

Far riposare coperti da pellicola per una mezz'oretta.
Accendete il forno a 180°C.
Sbattere in un ciotolino l'uovo con il latte.
Togliete la pellicola e spennellare la superficie dei buns con il composto di uova e latte. Spolverizzate con i semi di sesamo e quando il forno raggiunge temperatura infornare e cuocere fino a doratura (nel mio forno 20 minuti).
Sfornare e lasciar asciugare su una gratella.


Per la maionese: nel bicchiere del minipimer aggiungete due uova, un pizzico di sale e iniziate a frullare. Iniziate ad aggiungere l’olio di semi a filo, non smettendo mai di frullare. Quando ancora l’emulsione non si è formata unite il succo di limone e il basilico tagliato a pezzi grossolani. Continuate ad aggiungere olio ed a frullare fino a che non otterrete una crema compatta.


Per la polpetta: in una piccola ciotola contenente i fiocchi di patate, unite dell’acqua fino a che questi non si saranno reidratati fino a sembrare una purea. In una ciotola mescolate bene le due carni e i fiocchi di patate. Unite della noce moscata grattugiata, il sale ed il pepe. Impastate con le mani e alla fine formate 4 polpette leggermente schiacciate. 
Riscaldate la griglia sul fuoco, facendola scaldare bene. Fate cuocere gli hamburger girandoli spesso e senza schiacciarli.

Lavate gli zucchini, tagliateli a fettine sottili per il senso della lunghezza e grigliateli utilizzando una piastra già calda. Una volta grigliati, condite con un filo d’olio e con del basilico a piccoli pezzi.


Per le patatine: tagliate le patate sottili, nel frattempo mettete a bollire un pentola abbastanza capiente da potevi mettere le patate, dell’acqua acidulata (bastano 4 cucchiai di aceto). A parte in una ciotola di vetro preparate dell’acqua con ghiaccio.
Quando l’acqua acidulata raggiungerà il bollore immergete le patate o toglietele nel momento in cui riprenderà il bollore.
Immergetele nell’acqua e ghiaccio. In una padella in ferro fate scaldare l’olio di semi, quando sarà ben caldo aggiungete le patate precedentemente asciugate.
Toglietele dall’olio quando saranno belle dorate e fatele asciugare su della carta assorbente. Salate e servite.

Costruzione del panino:
Tagliate il pane a metà quando l’hamburger sarà quasi pronto, stendete la maionese, adagiateci sopra gli zucchini grigliati, le fettine di pecorino ed infine la polpetta di carne.



Con questa ricetta partecipiamo alla sfida n. 49 dell'Mtchallenge


Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e moto altro seguiteci qui:

You Might Also Like

18 commenti

  1. Beh, direi dei gran passi avanti da sassi bruniti a questi panini :)

    Mi piace l'hamburger dell'orto: quelle zucchine grigliate così fresche, il pecorino (che amo e adoro), la maionese al basilico.. io me lo mangerei subito subito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si stiamo migliorando :)) ma ancora la strada è lunga!
      Però i panini sono stati spolverati quindi di sicuro sono piaciuti!

      Elimina
  2. Semplicità e gusto in hamburger sano e ben strutturato pochi ingredienti ma di prima qualità perché l'orto ripaga sempre con le migliori soddisfazioni in cucina! Complimenti perché dalla foto gli darei pure un bel morso! Eccezionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!Alla fine le cose più semplici sono anche quelle più buone...se poi ci metti una grande qualità della materia prima non c'è paragone :)))

      Elimina
  3. I buns come arma mi hanno fatto morir dal ridere!!! Sapessi quanti ne ho sfornati io prima di giungere a questa ricetta…. da far concorrenza a Putin e alle sue atomiche!
    Ma tralasciamo l’argomento armi di distruzione di massa....e passiamo alla vostra ricetta. La maionese al basilico voglio provarla prima di subito!!! Il panino è gustosissimo e mi piace che è quasi a km 0, avendo anche io l’orto so quanto possono essere più buone le verdure appena colte!
    E che dire della scelta del pecorino che straaaadoro!!???
    Siete grandi, sapevatelo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giro che avrebbero potuto fare male da quanto erano duri!!Il mio ragazzo mi prende ancora in giro!!
      Allora..la maionese al basilico è assolutamente da provare, molto molto buona, per l resto confermo le verdure dell'orto sono tutta un'altra cosa!Grazie mille per questa grande sfida!
      un bacione

      Elimina
  4. provare e riprovare, il bello della cucina è anche questo e poi le soddisfazioni arrivano, bellissimi davvero !Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione è tutta una questione di esercizio ed esperimenti.Grazie Chiara!!

      Elimina
  5. Mamma mia quante ricette mi sono persa durante le ferie, mi devo rimettere in pari e questa poi è una super ricetta, complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrica, gentile come al solito!!un grosso abbraccio

      Elimina
  6. Da ligure ho gli occhi a cuore davanti alla maionese al basilico! ^_^
    Un panino che sa di casa e tradizioni, date da prodotti dell'orto.. Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credo!!!poi è molto molto buona e la rifaremo sicuramente!
      un abbraccio

      Elimina
  7. Le chips sono perfette e il panino decisamente invitante... Bravissima!!!

    RispondiElimina
  8. Ero terrorizzata anche io, non solo dal panino, ma anche e soprattutto dalla carne e dalla sua cottura (io che non la amo e non so cuocerla). E invece co Arianna siamo diventati tutti bravi sia nel formare e sfornare panini, sia nel preparare salse e cuocere hamburger perfetti :) Avete ragione, la parola fast la si può applicare solo al fatto che vengono fuori così buoni che finiscono in un momento :) il vostro per esempio sparirebbe in un atrimo se lo avessi qui, ora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh è vero in questi panini non c'è proprio niente di fast!!
      Dando una veloce scorsa ai panini dei partecipanti si trova delle proposte incredibili, Arianna con la sua ricetta ha scatenato la nostra fantasia!!
      PS: ti assicuro che questi panini sono stati spazzolati in un batti baleno.
      un abbraccio, Chiara

      Elimina
  9. Molto buono questo panino!
    con prodotti di stagione e a cm0 proprio!
    non mollare sui panini, la panificaizone ha un suo ritmo.
    Brave, complimenti.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca del supporto ;)
      non mollo no, anche perchè proprio adesso inizio a vedere dei miglioramenti...finalmente il pane con il licoli mi viene bene, dopo varie disavventure!
      un bacio, Chiara

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe