Treccia da colazione

giovedì, gennaio 07, 2016


Alla fine  la rinominarono la “bestia nera”.
Se cercate sul web notizie riguardanti la “treccia Bertelli” compariranno su i vostri schermi una sfilata di siti, blog, forum e quant’altro dove questa famosa treccia viene spiegata e fotografata nella sua massima riuscita. Bene, se aveste cercato il suddetto lievitato su questo blog, fino ad oggi non sarebbe apparso niente. Niente di pubblico perlomeno.
Nel “dietro le quinte”, ovvero nella nostra cucina, questa treccia è stata provata per svariate volte prima di ottenere un risultato soddisfacente. Si è conquistata così la nomea di “bestia nera”, la ricetta che provi e riprovi, decantata da tutti per la sua facilità e sicura riuscita e che a te invece proprio non vuol venire. Cosa abbiamo fatto di diverso questa volta rispetto alle precedenti non sono in grado di dirvelo, secondo me niente. Credo piuttosto di aver acquisito una leggera, sia ben chiaro leggera, familiarità con i lievitati. Con questo non voglio scoraggiarvi, non è una ricetta impossibile. Se però come me avete tatuato nell’anima il titolo di killer di lievitati e non vi dovesse venire alla prima, provate una seconda volta. Presto il miracolo della lievitazione accadrà anche nelle vostre cucine, io ne sono testimone.
Il motivo per cui non dovreste gettare le armi è che è davvero una bella proposta per la colazione: è una treccia soffice e poco dolce. Si presta ad essere mangiata così com’è, all’inzuppo e con aggiunta di un po’ di marmellata in accompagnamento. Inoltre si mantiene per diversi giorni, stando attenti a conservarla in un sacchetto di plastica chiuso (una volta freddata). Dopodiché se non l’avete finita potete scaldarla nel tostapane e il risultato sarà comunque ottimo.
Un suggerimento a cui tengo è quello di fare due trecce piuttosto che una, sarà più facile formare la treccia e limiterete la possibilità che l’impasto si strappi.



Treccia Bertelli di Marina Braito

Ingredienti, per una treccia grande:

300g di farina 00
200g di farina manitoba
200ml di latte
100g di zucchero
75g di burro fuso
7g di lievito di birra secco
2 tuorli
1 pizzico di sale

Per la decorazione:
1 tuorlo
2 cucchiai di marmellata di albicocche
zucchero in granella

Setacciate la farina in una ciotola capiente e unite il lievito di birra secco. Sciogliete lo zucchero nel latte tiepido, dopodiché unite il tutto nella ciotola e mescolate. Unite metà del burro fuso e i due tuorli. Impastate. Una volta che l'impasto sarà incordato, aggiungete il rimanente burro fuso e il pizzico di sale, impastate nuovamente fino ad ottenere un impasto liscio e piuttosto morbido senza però lavorarlo troppo. Coprite bene la ciotola e lasciate riposare l’impasto in un luogo caldo lontano da correnti per 2 ore circa (io l'ho lasciato lievitare nel fono spento con la luce accesa). L’impasto dovrebbe raddoppiare di volume. Per formare un’unica treccia, trascorso questo tempo, dividete l’impasto in tre palline dello stesso peso. Lasciatele riposare almeno 15’ in modo che l’impasto si rilassi. Su di una placca rivestita di carta forno formate tre filoncini della stessa lunghezza e con questi fate una treccia a tre capi. Lasciate lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio (1 ora circa).
Trascorso questo tempo filtrate il tuorlo con un colino a maglie strette e con l’aiuto di un pennello velate la superficie della treccia. Cospargete la superficie con lo zucchero in granella. Cuocete in forno preriscaldato a 180 °C per 40 minuti, fin quando la superficie non sarà dorata.
Estraete la treccia dal forno e lucidate la superficie con la confettura di albicocche precedentemente allungata con un poco di acqua calda.

Nota: se decidete di fare due trecce piuttosto che una grande, prima di formare le palline dividete l'impasto in due parti uguali e poi procedete come per farne una.





Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 
QUI!

You Might Also Like

4 commenti

  1. Complimenti per non esserti arresa.. con i lievitati secondo me è tutta questione di famigliarità (e, in secondo luogo, una spruzzata di culo :D )
    Mi piace molto questa treccia, e il fatto che sia poco dolce gioca ancor più in suo favore.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che quando ho visto che finalmente l'impasto era lievitato ho pensato proprio che la differenza rispetto alle precedenti fosse stata una miracolosa spruzzata di C!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Adoro tutti i lievitati da colazione e questa treccia è uno spettacolo! La proverò quanto prima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io li adoro, loro adorano un po' meno me, visto che non sempre mi vengono alla prima, però quando lievitano è una grande soddisfazione!!

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe