Il primo passo

domenica, dicembre 18, 2011


L’incipit è sempre stato un problema….
Quando a scuola dovevo scrivere un tema, la prima mezz’ora volava via senza che io fossi riuscita a mettere nero su bianco i pensieri che avevo in testa. Anche stavolta le idee sono tante, è come se tanti post-it colorati affollassero il mio, anzi il nostro cervellino…non so se (e come) riusciremo a metterle in pratica, di sicuro la voglia non manca!!
Tra i tanti “post-it virtuali” collezionati, abbiamo deciso di inaugurare il blog con questo: “arista in salsa al miele”.
L’arista è un evergreen dei nostri pranzi domenicali, un piatto semplice che riesce a conciliare i gusti di tutti (cosa non da poco). Altro non è che la schiena del maiale cotta arrosto o in forno. L’Artusi la considera un rifreddo perché è buona sia calda, appena cotta, che fredda. Infatti  quando a casa ne avanza un po’, non la riscaldiamo, ma la mangiamo così com’è magari con il suo sughetto di cottura caldo, oppure con un bel filo d’olio d’oliva.



Ingredienti
500 gr di arista di maiale (o lombata) disossata
1 cucchiaio di miele di salvia
1 cucchiaio di senape
1 cucchiaio abbondante di aceto di vino bianco
1 spicchio d’aglio
Alcune foglie di salvia
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe

Mescolate in una ciotolina metà del miele e dell’aceto, la senape e un pizzico di sale e di pepe.
Scaldate l’olio in un tegame, aggiungete l’aglio schiacciato e alcune foglioline di salvia. Rosolate l’arista a fiamma alta per alcuni minuti, girandola di tanto in tanto per farla dorare uniformemente.
Quando risulta ben rosolata toglietela dal fuoco. Ricoprite una teglia con della carta da forno, metteteci la carne e spennellatela con la salsa precedentemente preparata. Cuocete la carne a 200 °C per 45 minuti circa, aggiungendo anche le foglie di salvia rimaste e continuando a spennellare con la salsa.Quando la carne risulta cotta, recuperate il fondo di cottura e allungatelo con il miele e l’aceto rimasti e versatelo sulle fette di arista appena tagliate.

You Might Also Like

3 commenti

  1. Mai mangiato, ma sono sicura che lo amerei!!!

    Ciao e buona fortuna con la nuova esperienza!!!

    http://train-of-thoughts-magnolia.blogspot.com/

    p.s. mi serviranno proprio nuove ricettine visto che dovrò cimentarmi in cucina dopo il matri!

    RispondiElimina
  2. Che emozione il primo commento!!!
    Solitamente l'arista viene cucinata arrosto solo con aglio, rosmarino e altre erbe aromatiche, abbiamo voluto cambiare e il risultato ci è piaciuto molto. Ti consiglio di provarla!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  3. a vederlo sembra buonssimo, ciao hai una nuova followers se ti va passa da me e unisciti alle mie followers cosi' ci teniamo in contatto.
    kiss
    http://federicassecret.blogspot.com/

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe