Tacchino con sorpresa

martedì, aprile 10, 2012



Di ritorno dal picnic di pasquetta, mi godo gli ultimi raggi di sole di questa bella giornata di festa. In questi giorni di vacanza mi sono presa un po’ di tempo per cucinare, sperimentare, combinare pasticci, creare il caos in cucina, far arrabbiare la mamma, sfornare dolci cioccolatosi e sformatini saporiti.
La nonna curiosa faceva continue incursioni in cucina per controllare l’avanzamento dei lavori e ogni volta si stupiva trovandomi sempre lì indaffarata a stendere pasta o a montare albumi. In questo fine settimana nella nostra cucina sono state consumate una trentina di uova, 1kg di burro, ricotta, un sacco di patate, montagne di zucchero, frutta secca di ogni tipo, intere tavolette di cioccolato….
Per i risultati di questa full immersion dovrete attendere ancora un po’, intanto vi lascio una ricettina che mi hanno proposto al corso e che io ho liberamente reinterpretato. La ricetta originale prevedeva le melanzane e la salsiccia in abbinamento al tacchino io li ho sostituiti con dei funghi e del rigatino. Potete costruire mille varianti di questo piatto utilizzando il petto di pollo al posto del tacchino e variando la composizione dell’impasto a vostro piacimento, ricordandovi però di mantenere sempre una parte grassa (a tale scopo io ho utilizzato il rigatino).


Fiori di tacchino

Ingredienti per 2 fiori di tacchino (per 4 persone)

2 fette di tacchino grandi
200gr di funghi
40gr di rigatino
220gr di tacchino
20 gr di noci

Preparate la farcia per il tacchino. Tagliate i 225g di tacchino a cubetti e battetelo al coltello. In una ciotola mescolate il tacchino, le noci tritate, il rigatino tagliato a tocchetti e i funghi trifolati. Salate e pepate. Dividete l’impasto in due e disponetelo al centro delle due fette di tacchino. Ricoprite l’impasto con le estremità della fetta, formando così una palla di impasto racchiusa dalla fetta di tacchino. Rigirate il fagottino così ottenuto, in modo tale che la chiusura appoggi sul fondo della teglia. Praticate con un coltello una incisione a forma di croce sulla fetta di tacchino e aprite leggermente i petali così ottenuti, in modo tale che si veda l’impasto presente all’interno. Disponete i due “fiori” in una teglia irrorate con un po’ d’olio e cuocete in forno a 180 °C. Si possono cuocere anche in padella con un pò stando attenti alla cottura del ripieno.

You Might Also Like

6 commenti

  1. Buonoooo!!!
    Mamma mia quando hai elencato tutti gli ingredienti che hai usato in questi giorni mi è venuto il mal di mare... ma quante cose hai cucinato?? Beati amici e parenti! XD
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo un pò di tempo a disposizione :)!Ho provato a fare anche i macarons....ma ancora non ci siamo

      Elimina
  2. Io queste ricette ve le rubo a piene mani perchè la Pasquetta passa, ma la pausapranzo resta! ed io porto ogni giorno qualcosa di diverso nelle mie schiscette!
    questo tacchino me lo preparo già per domani, tanto da buona senese un pezzo di rigatino l' ho sempre! :O)
    se poi riuscissi a metterci pure qualche verdurina in mezzo sarebbe perfettissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo usato dei funghi, ma la ricetta prevedeva la melanzana tagliata a tocchetti nell'impasto, puoi sbizzarti come più ti pare!

      Elimina
  3. Sono molto curiosa di vedere tutto quello che è uscito da quella cucina indaffaratissima. Mi fa ridere l'idea della nonna che invece di essere lì con le mani in pasta, sbircia la fase di avanzamento come un vero chef comandante. Ottimo questo tacchino profumato e appetitoso. Un maniera diversa di cucinare una carne che ha bisogno di essere valorizzata. Un bacione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco hai usato proprio le parole giuste "un vero chef comandante", perchè ormai la mia nonna è in su con l'età e tante cose non le fa più, ma è una curiosona e viene sempre a controllare cosa stiamo facendo, dispensando consigli e ricordando quando anche lei cucinava delizie!!
      Bacio
      Chiara

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe