Un'insalata del cavolo

giovedì, febbraio 13, 2014


Un'altra bellezza da raccontare. Mi ero già soffermata sulla bellezza del cavolo ma anche stavolta ci sono ricascata. Ho accostato il  verde blu del cavolo nero con il colore dell'arancia. Ne è venuta fuori un'altra insalata invernale dai colori brillanti. Un'altra insalata con il cavolo, veloce e buona, da fare e rifare. Le cimette di cavolo nero, croccanti e tenere sono perfette da consumare crude in insalata. Dopo averle scoperte, le ho abbinate ad un condimento con le acciughe ed in seguito ho voluto provare il gioco di sapori  con la frutta di stagione. L’acciuga è rimasta, nascosta però nelle crescenti, con le quali ho servito l’insalata. La “crescente” è un tipico prodotto bolognese, riproposto dalle sorelle Simili, nel loro “Pane e roba dolce”. La mia versione è stata ulteriormente riveduta, in base a ciò che avevo a disposizione in casa: la ricetta originale prevede l’utilizzo dello strutto che è stato sostituito con del burro.
Non me ne vogliano i detrattori di questo ortaggio, chissà che a forza di proporvi queste ricette non vi faccia venir voglia di provarlo, non è mai troppo tardi per cambiare idea.





Insalata di cavolo nero e crescenti all'acciuga:

Ingredienti per i crescenti:

200g di farina 00
50g di farina integrale
100g di acqua circa
35g di olio d’oliva
25g di burro ammorbidito
3.5g di lievito di birra secco
4g di sale
10g di pasta d'acciughe

Per l'insalata di cavolo:
2 cucchiai di succo arancio
2 cucchiaini tahina
1 cucchiaio olio
1 cucchiaino aceto bianco
25g di anacardi
80g di cavolo
1 arancio


Per la crescente:

Su un piano di lavoro fate una fontana, amalgamate tutti gli ingredienti al centro e impastate. Formate una palla, copritele e fate lievitare per 40-50 minuti. Stendete la pasta con un mattarello, formando un rettangolo spesso 1 cm circa. Tagliate delle striscioline larghe un cm, poi tagliatele trasversalmente per ottenere dei bastoncini. Spennellate i bastoncini con l’olio di oliva e disponeteli su una placca ricoperta di carta forno. Far lievitare per altri 20 minuti, poi cuocere in forno preriscaldato a 200 °C per una ventina di minuti circa.

Per l’insalata:

Lavate il cavolo nero e tagliatelo a striscioline sottili, eliminando le coste più dure. Pelate a vivo le arance e tagliatele a tocchetti. Tritate grossolanamente gli anacardi. Disponete tutto in una ciotola. In una ciotolina preparate il condimento mescolando insieme il succo d'arancia, l'olio, l'aceto e la tahina. Salate la vinaigrette, mescolate bene e distribuite sull'insalata. Mescolate e servite con le crescenti all'acciuga.



You Might Also Like

7 commenti

  1. Solo quest'anno ho scoperto il cavolo nero e ne sto facendo incetta! Mi piace troppo! lo proverò anche così... ;-) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo mangio da sempre, ma le cimette in insalata sono una novità anche per me!!!

      Elimina
  2. A me piace un sacco, quindi apprezzo sempre le idee nuove e questa accostata all'arancia, anche cromaticamente, mi piace un sacco!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I due colori accostati insieme sono davvero belli, ma il sapore lo è ancora di più. Già rifatta ben due volte da quanto è buona e veloce!un bacio

      Elimina
  3. maremmina.... un' insalata di quelle che potrebbero diventare ben presto la mia ossessione.
    del tipo: cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero. cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero.cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero.cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero. cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero.cos' hai per pranzo oggi? insalata di cavolo nero.
    e così via..... per dire.......



    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe