Insalata di riso nero

venerdì, luglio 25, 2014


Il nostro forno è andato in vacanza. Ci eravamo ripromesse di provare un crumble estivo e una torta alle pesche, ma alla fine gli unici dolci che vengono consumati in questi giorni sono i gelati. Si cucina poco e si predilige i piatti freschi nei quali poter sfruttare le verdure di stagione. I piatti unici e le insalate ricche sono diventati un altro must a casa della cucina spontanea: bastano dei buoni ingredienti, una buona dose di fantasia, un pizzico di spezie e una grossa ciotola colorata per portarle in tavola. Poi, ormai è risaputo che quest'anno le insalate vanno di gran moda!
Nella ricetta in questione ci siamo sbizzarrite con i colori passando dal rosso del pomodoro, al viola delle melanzane per arrivare al nero dei chicchi di riso.
Il tutto è stato condito con dello za’tar una miscela di spezie di origine medio orientale composta principalmente da timo, sesamo e origano. Essendo una miscela, i tipi di spezie che la compongono sono molto variabili ed è infatti possibile trovare al suo interno anche la maggiorana, la santoreggia e il cumino. Non esiste una ricetta codificata, ad esempio nel mix che ho utilizzato per questa ricetta sono sicura che sia presente anche la menta essiccata. Se quindi non riuscite a trovare lo za’tar potete sempre preparavi la vostra personale miscela da utilizzare non solo per le insalate, ma anche sul pesce e sulle uova.



Insalata di riso nero
380g di melanzane
230g di ceci precotti
170g di pomodori piccadilly
100 g di riso nero
40-50g di formaggio caprino
qualche fetta di cipolla fresca
3 cucchiaini di za’tar
1 cucchiaino di semi di cumino
olio extravergine d’oliva
sale e pepe

Lavate e tagliate le melanzane a fette spesse. Ponete le fette in una colapasta e salatele. Lasciate riposare per una mezz’ora in modo tale che le melanzane rilascino l’acqua. Trascorso questo tempo, tagliate le fette in modo da ottenere dei cubetti. In una padella fate soffriggere uno spicchio d’aglio con un poco d’olio, aggiungete i semi di cumino ed in seguito anche i cubetti di melanzana. Cuocete le melanzane, aggiungendo dell’acqua se necessario. Aggiustate di sale. Lessate i ceci precotti in acqua salata, dopodiché scolateli e disponeteli in una ciotola ampia. Lavate i pomodori e tagliateli a tocchetti. Unite i pomodori ai ceci, salate e aggiungete lo za’atar. Cuocete il riso nero in abbondante acqua salata. Scolate il riso e unitelo alla ciotola contente i pomodori e i ceci. Aggiungete le melanzane e  la cipolla tagliata sottile. Aggiustate di sale. Aggiungete il caprino e servite.


You Might Also Like

5 commenti

  1. Io lo chiedo, ma penso che, come dite giustamente, farò da me in caso...
    dove l'avete scovato lo zahatar?
    I miei li ho mandati perfino in tunisia, ma ci credete che li' non sanno nemmeno di che si tratta?!? O forse sono i miei che non si sono fatti capire... ;-)

    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo il nostro spacciatore di fiducia!Ci è stato portato dalla Giordania e ne abbiamo ancora un bel po'. Se lo vuoi provare possiamo dartene un pochino noi !Fammi sapere che ci organizziamo, io sarò a Firenze tutta la settimana prossima, poi finalmente vacanze!un bacio, Chiara

      Elimina
    2. Grazie Chiara, non è così importante..cmq grazie.semmai ti faccio sapere!

      Elimina
  2. Sono curioso di provare lo za'atar! Comunque hai fatto un'insalata molto fresca e piena di sapori; ottima soprattutto con il riso Venere! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Che curiosità questo za'atar.... Mai sentito... Ma lo voglio e il tuo piatto e delizioso!!!!
    Complimenti!!!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe