La stupendissima

martedì, settembre 30, 2014


Finalmente ho provato la Stupendissima ed ho capito il perché del suo nome.
Per molti di voi questo nome non ha significato, ma sono convinta che una buona parte del web ha già testato, amato e osannato questa torta, riproponendo versioni più o meno fedeli all'originale. Siamo arrivate anche noi, in ritardo, ma ci siamo. Colei che per prima ha sostenuto la teoria della "porca figura" in cucina, non poteva che regalarci una torta del genere, perché con questa ve l'assicuro il successo è assicurato. Un dolce ricco, adatto per celebrare un occasione o per quando si ha degli ospiti a cena. Preparato per festeggiare un compleanno e rifatto a distanza di una settimana per festeggiare un nuovo piccolo arrivato. La prima volta mi sono attenuta abbastanza fedelmente all’originale mentre la seconda ho utilizzato la pasta frolla che utilizziamo abitualmente per i nostri dolci. Ci siamo rese conto che il giorno dopo è ancora più buona, cosa da non sottovalutare, visto che questo permette di prepararla tranquillamente in anticipo. Astenersi fanatici delle torte dietetiche, anch'io cerco sempre compromessi, ma quando ci vuole, ci vuole. Insomma lasciate da parte i sensi di colpa e godetevi un pezzo di questa torta. La dieta oggi può aspettare.




La stupendissima
Ingredienti

Per la frolla:

300g di farina
200g di burro
100g di zucchero
1 uovo
la buccia grattugiata di un limone
un pizzico di sale

Per il ripieno:

180g di burro
180g di zucchero
90g di cocco grattugiato
1 yogurt bianco
4 uova intere grandi
la scorza grattugiata di un limone
il succo di mezzo limone

In una ciotola, lavorate velocemente la farina con il burro a pezzetti. In seguito aggiungete lo zucchero, l’uovo e gli altri ingredienti. Lavorate la pasta, stendetela con l’aiuto di un mattarello e ricoprite la tortiera. Riponete in frigo e fate riposare mentre preparate il ripieno.

Montate il burro a crema con lo zucchero e aggiungete le uova, una ad una, in seguito lo yogurt, la scorza e il succo del limone ed infine il cocco grattugiato. Versate la crema nello stampo e fate cuocere nel forno preriscaldato a 180 °C per una mezz’oretta. Togliete dal forno, fate raffreddare e spolverate con zucchero a velo.


You Might Also Like

12 commenti

  1. Devo provarla anch'io... se la chiamano cosi ci sarà un ragione no??? Guarda che meraviglia...
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala!!Il nome di questa torta è una garanzia :)))

      Elimina
  2. LEI di Stupendissime ne sa a pacchi, e questa vostra è davvero meravigliosa!
    Se non fosse per quel cocco, che il marito detesta, la proverei di certo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è buonissima!!Marta non è una grande fan del cocco ma questa torta l'ha mangiata di gusto :))
      potresti provare anche con il marito....

      Elimina
  3. Sembra ottima... che tipo di farina hai utilizzato per la frolla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la frolla abbiamo utilizzato una farina 00, aggiungo subito anche tra gli ingredienti!

      Elimina
  4. Io non la conoscevo....toccherà provarla!! :-)

    RispondiElimina
  5. cioè,ma da fb devo venirlo a sapere???
    voglio la vostra frolla, dai, che la provo con quella
    e la posto lunedì, pure con la versione alle mandorle (perchè pure mio marito, detesta il cocco)
    Sul resto, concordo- e sulla vostra bravura, testimonio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'abbiamo già fatta due volte e questo fine settimana mi sa che verrà rifatta. Una mia amica me l'ha pure ordinata!
      La versione alle mandorle?!!Toccherà provare anche questa :))
      Aspetto lunedì :)))

      Elimina
  6. ooh mamma che meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
  7. E' davvero stupendissima. Ma non solo la torta. Tutta l'atmosfera.

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe