15 minuti in cucina: le frittatine trippate

giovedì, ottobre 02, 2014


La mamma (quella della domenica sera) non sa più cosa cucinare per una famiglia sempre più esigente e con abitudini diverse. I colleghi si lamentano del tempo tiranno e del fatto che anche trenta minuti davanti ai fornelli siano già troppi. Ci sono poi gli amici che non hanno mai messo sotto il naso una foglia di basilico fresco e hanno sempre aperto un barattolo e svuotato il contenuto per condire le trofie. Abbiamo così deciso di dedicare a loro e a tutti i lettori una serie di ricette super veloci. Veloci si, ma senza trucchetti e scappatoie. Non vi proporremo mai di preparare un piatto di lasagne in mezz'ora, ma siamo comunque convinte che si possa cucinare bene ed in poco tempo con degli ottimi risultati. La mamma smetterà finalmente di rivolgersi alla concorrenza e l'amico capirà che certe volte è più veloce preparare il condimento fresco, piuttosto che aprire un barattolo. Per inaugurare questa rubrica abbiamo pensato ad una ricetta della tradizione regionale: le frittatine trippate. In toscana ci piace giocare con i nomi, arrangiarsi con quello che si ha e mantenere una certa ironia anche a tavola. Così sono nati il sugo finto, l’arrosto morto e le frittatine trippate. La frittata arrotolata e tagliata a striscioline prima di essere rimessa nel sugo, ricorda a colpo d’occhio la trippa alla fiorentina. Ci è sembrato un piatto veloce, gustoso e simpatico (perfetto per i bambini!) con il quale inaugurare la nostra nuova rubrica “15 minuti in cucina”.  



Frittatine trippate

Ingredienti per 4 persone:
200ml di passata di pomodoro
4 uova
1 carota piccola
1 scalogno
1 costa di sedano
origano secco
qualche fogliolina di basilico
sale e pepe
olio extravergine d’oliva


Preparate il battuto di carota, sedano e scalogno. In una padella con dell’olio fate soffriggere il battuto di odori ed in seguito aggiungete la passata di pomodoro. Salate, aggiungete l’origano e continuate a cuocere a fiamma bassa. In un’altra padella preparate una frittata. Una volta cotta, tagliate la frittata a striscioline e unitela alla padella contenente la passata di pomodoro. Fate insaporire, togliete dal fuoco e completate con il basilico fresco e una spolverata di pepe nero.  

You Might Also Like

8 commenti

  1. ma BELLISSIMA! C'ero cascata pure io, al colpo d'occhio della foto.
    Ho letto il titolo e ho cercato invano la trippa!
    ;-)
    una di queste sere frego i legumini, a cena!
    baci belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii, secondo me i bambini ne andranno matti!!!è una cosa semplicissima ma divertente :)))

      Elimina
  2. ma che favola.... mi piace tantissimo!!!
    Bravissime care, baci

    RispondiElimina
  3. e brave le mie sorelle!!! bell'idea, abbinare gusto e rapidità non è da tutti, seguirò le vostre ricette dal momento che spesso la cena mi coglie impreparata!!! questa prima proposta mi sembra magnifica!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana!Tutto è nato perchè intorno a noi sentivamo sempre parlare del poco tempo a disposizione. Non è una cosa per niente semplice riuscire a cucinare in 15 minuti, ma con un po' di fantasia si può tirar fuori ricettine niente male. Questa ad esempio è semplice, gustosa e divertente. un bacione

      Elimina
  4. Semplice e gustosa, oltre che simpaticissima! Guarda, pur non sapendolo si indovinerebbe facilmente l'origine toscana di questo piatto :)
    Le proverò sicuramente quando una cucina da 15 minuti fa comodo (e quando non fa comodo?!)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh si il nome non lascia dubbi, è super toscana!Si parla di trippa e lo si fa con ironia...
      Da fare per la velocità e la simpatia del piatto :)))

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe