Paté di funghi e noci

venerdì, ottobre 10, 2014


Se l’autunno chiama la zucca, ottobre chiama i funghi. Per anni non hanno fatto parte del ristretto cibo che volevo nel piatto, poi sono entrati di prepotenza nella mia dieta e per ora occupano un posto d’onore tra i cibi riscoperti da grandicella.
Ammetto che su di me suscitano un fascino che va al di la del sapore, mi piacerebbe saper riconoscere le specie, conoscere i posti segreti dove fungaioli appassionati si recano al mattino presto alla ricerca di questi frutti della terra. Ho l’impressione che sia un mondo pieno di tradizioni, pieno di segreti, come lo è il bosco dove si possono trovare. Forse più che le levatacce e la ricerca, mi piacerebbe conoscerne i segreti e le storie. Ammesso che ne esistano, è possibile che mi sia creata in testa una fantasia che si discosta dalla realtà. Almeno dalla mia, che alla fine li cerco sui banchi del mercato o al supermercato.
La ricetta della Mai, l’avevo puntata questa primavera, su “l’ora del paté” ed ho dovuto aspettare che il tempo fosse quello giusto per provarla.
Il momento giusto è stato sancito dall’arrivo delle giornate debolmente grigie, colorate dalle sfumature delle foglie degli alberi, che lasciatemelo dire, sono forse più belli adesso che in piena estate.
Questo paté prevede un mix di funghi e noci, è bene usare qualità di funghi diverse in modo da stratificare il sapore, un solo tipo porterebbe ad avere un buon sapore, ma forse monotono. Noi abbiamo apportato piccolissime modifiche, praticamente quasi irrilevanti rispetto all’originale. 






Paté di funghi e noci

Ingredienti

300 g di funghi misti (noi 170g di funghi prataioli-130g di funghi pioppini)
55g di noci
25g di burro morbido a tocchetti
1 spicchio d’aglio
un paio di rametti di timo
un paio di rametti di maggiorana
un cucchiaio d’olio d’oliva
sale


Mondate i funghi eliminando la parte terrosa e pulendoli accuratamente con una pezzola umida. Tagliateli a lamelle e saltateli in padella con un spicchio d’aglio ed un filo d’olio. Salateli e portate a cottura. Aggiungete le noci a pezzetti e le erbe aromatiche. Mescolate bene e fate raffreddare. Togliete lo spicchio d’aglio, passate tutto al frullatore unendo il burro a pezzetti, fino ad ottenere un composto morbido e cremoso che verserete in un barattolo o in una ciotola ricoprendo la superficie con della pellicola. Mettete in frigo per circa 4 ore prima di servire.


You Might Also Like

10 commenti

  1. Amo i funghi ma mai e poi mai ho pensato di farci il paté.... che spettacolo!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. Mi accodo al commento di Michela: anch'io non avevo mai pensato di far finire i funghi in un paté. Invece questo, arricchito dalle noci, dev'essere una vera goduria, e finisce dritto dritto nella lista delle ricette da provare quest'autunno. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo in un libro bello come"l'ora del patè" si può trovare queste ricette!!Provalo, se ami i funghi ti piacerà sicuramente. un bacione

      Elimina
  3. Che crostini golosi devono venir fuori con questo patè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente messo su un po' di pane vengono fuori dei grandi crostrini!!

      Elimina
  4. I patè mi attraggono sempre molto, ma non mi decido mai a prepararli.. grazie per questa tua bella ricetta!

    L'angolo della Casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il merito principale è della Mai (il colore della curcuma) e del libro "l'ora del Paté" io l'ho solo riproposto ;)

      Elimina
  5. Anch'io adoro i funghi ma purtroppo li mangio raramente, un po' per il costo, un po' perchè per mancanza di tempo i miei hanno smesso di andare a cercarli e come dici tu, nonostante sia un mondo affascinante, l'idea di svegliarmi all'alba per andarne in cerca purtroppo non m'attira per niente! :D
    Però il patè è una figata. Io poi adoro tutto ciò che si spalma, cremine sia dolci che salate ma queste ultime ancor di più. Spero davvero davvero di riuscire a reperire i funghetti per poterlo provare :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpita e affondata, tutto ciò che può essere spalmato occupa posti importanti nel mio cuore (ma anche nella testa e nello stomaco). Se riesci a reperire i funghi ti consiglio di provarlo, non te ne pentirai!
      Un abbraccio

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe