Calamarata cozze e ceci

giovedì, settembre 11, 2014


A distanza di più di dieci anni dall’ultima vacanza fatta assieme, da quando cioè le vacanze le facevamo ancora con i genitori, quest’anno Chiara ed io siamo tornate sul luogo del delitto. Una due giorni di mare in due.
Le sorelle Calugi in vacanza le riconosci da due dettagli fondamentali: l’ombrellone piantato inevitabilmente torto e le riviste. Niente gossip sotto il sole, ne consigli sull’abbronzatura a farci compagnia, ma riviste di cucina, che sicuramente mal si abbinavano con la prova costume.
Tra lo scegliere il posto in cui andare a cena e il rito, ripetuto a più riprese, dell’applicazione della crema solare, cercavamo idee confrontandoci. Distese sotto il poco sole di questo agosto, con il mare prevalentemente mosso a farci da sfondo, ci siamo dedicate allo studio.
Non abbiamo risparmiato neanche gli amici che sono venuti in visita, anche loro sono stati interrogati su ricette e idee da riproporre, convinte che il primo feedback ti arriva da chi ti sta vicino.
Questa ricetta che sa ancora un po’ di estate è nata così, sotto l’ombrellone, con i piedi ricoperti di sabbia e la pelle leggermente irritata dal sole.
Cugina più ricca (che speriamo non sia snob) della classica pasta e ceci. Piatto appartenente alla tradizione contadina declinato in tante varianti lungo tutto lo stivale. In questo caso abbiamo aggiunto le cozze, seguendo un filo conduttore non ben definito, in bilico tra accostamenti di sapori, suggerimenti da parte della location dove è stata partorita e la voglia di cimentarsi in qualcosa che cuciniamo troppo poco, come il pesce. Si tratta di un piatto unico, ricco di carboidrati e proteine che conquista grandi, bambini e signorine pasta in bianco.




Calamarata cozze e ceci

Ingredienti per 4 persone:
570g di cozze
150g di ceci già lessati
350g di pomodorini
320g di pasta
uno spicchio d'aglio
prezzemolo
basilico


Pulite le cozze, disponetele in una padella e fatele aprire sul fuoco, senza aggiungere nient’altro e senza farle cuocere troppo. Tenete da parte la loro acqua di cottura.

Riscaldate i ceci, dopodiché divideteli in due parti. Una parte frullatela con un frullatore ad immersione aggiungendo poco per volta l’acqua di cottura delle cozze, fino a che non avranno raggiunto una consistenza abbastanza liquida. Lavate i pomodorini e tagliateli a metà. In una padella capiente fate soffriggere uno spicchio d'aglio con un poco d'olio, dopodiché aggiungete i pomodori e lasciate appassire. Unite i ceci lasciati interi e una parte di quelli frullati. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela ancora molto al dente in modo da terminare la cottura in padella. Amalgamate il tutto con i restanti ceci frullati. Spolverate con il prezzemolo e basilico tritato finemente e servite ancora calda.



You Might Also Like

7 commenti

  1. Vi vedo in spiaggia... con le riviste di cucina... le mie preferite... e questa calamarata è fantastica!
    Bravissime!

    RispondiElimina
  2. Direi che lo studio sotto l'ombrellone ha dato ottimi frutti: un piatto stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto merito dell'aria di mare che ci ha portato consiglio ;)

      Elimina
  3. Buongiorno care :) il vostro blog è davvero bello!! Siete bravissime...è un piacere essere qui a casa vostra...foto e ricette molto belle...personalmente adoro i legumi abbinati il pesce...chissà che bontà questa calamarata...
    Un abbraccio!!
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta in casa nostra e grazie per tutti questi complimenti, che ce li teniamo stretti stretti. Legumi-pesce è un gran abbinamento, sono contenta che ti sia piaciuta questa pasta. Un abbraccio

      Elimina
  4. un primo piatto troppo invitante!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe