Taste e more n.11

mercoledì, novembre 05, 2014


In queste pagine anche un osservatore poco attento può accorgersi di una grave carenza (in realtà ce n’è più di una, ma non voglio svelarvele tutte).
Mancano pizze e focacce, cosa da poco se non fosse che la sottoscritta si è autoproclamata già in tenera età la regina della pizza. Più che farla però mi è sempre piaciuto mangiarla. A casa nostra il giorno della pizza è sempre stato il venerdì, prima la faceva la nonna, poi ha iniziato la mamma. Ho sempre guardato con ammirazione le sapienti mani di mia madre che impastava farina, acqua e lievito fino ad ottenere una palla elastica. Quando poi stendeva l’impasto per condirlo, una pallina piccola come il mio pugno toccava pure a me. Quella era la mia pizzetta, che potevo condire io. La fantasia all’epoca era riservata ad altro e mi limitavo a condirla con il pomodoro e la mozzarella. Copiavo la mamma insomma.
Quando abbiamo letto i temi di Taste&More, ci siamo consultate e catapultate nel lievitato da me più amato. Abbiamo scelto una pizza bianca, su cui abbiamo adagiato del radicchio, della scamorza e dello speck. Un connubio di sapori affumicati e leggermente amarognoli che ben si sposano tra loro e con l’impasto soffice della focaccia.
La ricetta dell’impasto è di Michela. Chiara ed io non abbiamo un buon rapporto con i lievitati e non sempre la lievitazione va come deve andare, ma in questo caso la ricetta della pizza non ci ha riservato nessuna brutta sorpresa.
La rivista non si ferma certo alle pizze, c’è come al solito molto altro. Un bellissimo spazio è riservato alle uova, con annesso articolo di una nutrizionista, passando poi per gli snack da divano, gli arrosti, fino ad arrivare allo sweet corner con i suoi tronchetti. Detto tutto ciò non vi resta che sfogliare la rivista e lasciarvi conquistare.


Pizza con radicchio, scamorza e speck

Ingredienti per 2 pizze medie:
530 g di farina 00
370 g di acqua
2 g di lievito di birra fresco
15 g di olio aromatico
10 g di sale
100g di radicchio rosso
180g di scamorza affumicata
5-10 di speck
Sale e pepe
  
Il giorno prima dell'impasto, preparate l'olio aromatico con origano. Al momento di impastare, sciogliete il lievito di birra con l’acqua in una ciotola. Aggiungete la farina e impastate per 5 minuti. Aggiungete l'olio aromatico a filo, lasciandolo assorbire, quindi aggiungete il sale. Lavorate l’impasto ancora per qualche minuto, quindi rovesciate l'impasto su un piano da lavoro e arrotondatelo. Ponete l'impasto all'interno di una ciotola con coperchio, lasciate riposare un'ora a temperatura ambiente, quindi ponete la ciotola in frigorifero, lasciando riposare l'impasto fino al giorno successivo. Togliete l'impasto dal frigorifero e lasciatelo riposare due ore a temperatura ambiente. Dividete l'impasto in due parti e arrotondate ogni porzione. Spolverate due teglie di semola rimacinata, quindi stendere gli impasti nelle due teglie, picchiettandoli dal centro verso l'esterno con la punta delle dita unte di olio. Coprite e lasciate riposare 1 ora. Accendete il forno alla massima temperatura e lasciatelo scaldare bene. Irrorate la superficie della pizza con olio extra vergine, quindi infornate. Cuocete per qualche minuto fino a quando non vi sembrerà abbastanza cotta, quindi aggiungete il radicchio tagliato a listarelle e la scamorza a fettine. Infornate nuovamente, fate sciogliere la scamorza e appassire leggermente il radicchio. Togliete dal forno, spolverate con del pepe macinato e adagiate sulla superficie le fette di speck. Infornate giusto il tempo di lasciar ammorbidire le speck. Togliete dal forno e servite. 



You Might Also Like

4 commenti

  1. Uno dei miei gusti preferiti quando prendo la pizza!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Avevo già ammirato la vostra pizza sfogliando (un po' frettolosamente) il taste & more. Ora leggendo la ricetta non posso che apprezzarla ancora di più il mix di ingredienti. Super brave! :)

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe