Gnocchi alla romana con crema di zucca

mercoledì, ottobre 03, 2018

immagine contenente teglia con gnocchi alla romana e crema di zucca

Alcune ricette, una volta assaggiate si depositano in un piccolo anfratto della mente per poi riemergere con prepotenza. Questo è quello che è successo con gli gnocchi alla romana di Flaminia, assaggiati ormai 3 anni fa al primo raduno del gruppo dell’MTChallenge. In occasione dell’incontro, ogni partecipante aveva preparato una sua specialità per il pranzo del primo giorno, potete quindi immaginare la varietà e la quantità delle pietanze che imbandivano il tavolo del salone dell’agriturismo che ci ospitava.

In mezzo a tutte le cose buone che avemmo modo di assaggiare, rimanemmo colpite dagli gnocchi alla romana. Un piatto semplice, con una consistenza delicata dove un boccone tira l’altro. Come spesso succede, nonostante il colpo di fulmine ci abbiamo messo ben 3 anni per replicare questo piatto, ma le attese alla fine sono state ampiamente ricompensate. Abbiamo declinato la ricetta in stile autunnale abbinando al profumo di burro e formaggio che li contraddistingue il gusto delicato della zucca. In alternativa, potete condire gli gnocchi alla romana con la besciamella, oppure con il ragù di carne. In ogni caso porterete in tavola un piatto “furbo”che può essere preparato in anticipo e poi gratinato all’ultimo minuto poco prima di essere servito.

Cercando informazioni sulla ricetta abbiamo scoperto inoltre che sebbene il loro nome fornisca delle indicazioni circa la loro origine, sembra improbabile che questa ricetta sia davvero legata alla cucina romana. Gli ingredienti utilizzati, ovvero il semolino il burro e il formaggio, appartengono alla tradizione nordica tanto che è stata ipotizzata una origine piemontese di questo piatto. Qualunque sia la loro origine, siamo sicure che una volta provati entreranno di diritto anche nella tradizione culinaria della vostra famiglia.
Chiara
Immagine contenente tre foto di preparazione degli gnocchi

Gnocchi alla romana con crema di zucca


Ingredienti per 4 persone:
Per gli gnocchi (Ricettadell’Araba felice)

1 litro di latte
250 g di semolino
100 g di parmigiano grattugiato
2 tuorli
20 g di burro
noce moscata
olio extravergine d’oliva
sale

per il sugo

550g di zucca
40g di parmigiano grattugiato
1 cipolla piccola
Brodo vegetale
un piccolo rametto di rosmarino
sale e pepe
olio extravergine d’oliva

Preparate una crema di zucca. Pulite la zucca, eliminate la buccia e tagliatela a tocchetti. Affettate la cipolla e fatela imbiondire in una pentola con un filo d’olio. Unite la zucca, mescolate e salate. Unite il brodo vegetale in modo da coprire la zucca. Fate cuocere a fuoco basso fino a che la zucca non sarà morbida. A questo punto togliete da fuoco, fate intiepidire e in seguito frullate il tutto con il minipimer.
 Mettete in una pentola  il latte, il sale e la noce moscata grattugiata. Portate ad ebollizione, in seguito  versate i il semolino a pioggia mescolando in continuazione. Abbassate il fuoco e continuate a mescolare fino a quando non otterrete un composto solido e compatto, che si stacchi dai bordi della pentola. Togliete quindi dal fuoco e fate intiepidire.
In seguito aggiungete i tuorli, il parmigiano ed il burro. Aggiustate eventualmente di sale.
Mescolate bene e versate il composto in una teglia coperta con carta forno bagnata e strizzata. Livellate con le mani bagnate fino ad appiattire il composto ad uno spessore di un cm.
Tagliate quindi con un coppa pasta  o con un bicchiere gli gnocchi e adagiateli in una teglia imburrata, leggermente sovrapposti.
Coprite con la crema di zucca e infornate a 200 °C  per circa 15 minuti. Unite in ultimo i 40g di parmigiano grattugiato e passate qualche minuto sotto il grill prima di servire.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe