Torta alla zucca

mercoledì, ottobre 17, 2018


Immagine con fetta di torta alla zucca


Lo scorso anno durante il viaggio di nozze lungo la route 66 ho fatto conoscenza con la passione degli americani per le zucche.

Già a settembre, fuori dalle case, si intravedevano decorazioni di halloween e zucche intagliate, mentre i supermercati traboccavano di zucche decorative di ogni genere e forma. In svariate occasioni abbiamo trovato la zucca anche sulla nostra tavola sottoforma di pumpkin bread. Ci siamo presto assuefatti a quella consistenza umida e al profumo di spezie tanto che ci accontentavamo anche di quello che compravamo al Walmart per i nostri spuntini dolci lungo la route (che peraltro non era affatto male). Il pumpkin bread non è un pane come lo intendiamo noi, ma un dolce preparato solitamente nello stampo da plumcake, dalla consistenza densa e aromatizzato con cannella, noce moscata, chiodi di garofano e vaniglia. In alcune versioni è arricchito dalla presenza di noci e/o di uvetta.

Una volta tornati ho pensato che avrei voluto riproporre la zucca in versione dolce, memore di quanto assaggiato in viaggio e per rifarmi di uno dei miei primi epic fail in campo culinario. Infatti, durante i miei primi esperimenti in cucina, proposi a tutta la famiglia Calugi una torta zucca e gocce di cioccolato che non piacque praticamente a nessuno.

Nel frattempo tra l’idea iniziale e la sua messa in pratica è passato un anno. In prima battuta volevo replicare proprio il pumpkin bread, ma le ricette trovate sui vari siti americani mi hanno spaventato per la quantità di zucchero, così ho optato per una torta alla zucca che mantenesse le stesse note aromatiche che si possono ritrovare nei dolci americani, ma con dei quantitativi di grassi e zuccheri ridotti.

Per la ricetta abbiamo preso spunto dalla ricetta, anch’essa made in US, di Assaggie Viaggi. Questa torta di zucca è già stata replicata due volte, la prima volta avevamo utilizzato uno stampo un po’ grande così la torta era venuta buona ma un po’ bassina, vi consigliamo quindi di utilizzare una tortiera a cerniera con un diametro di 20 cm (oppure di aumentare le dosi). Avevamo inoltre esagerato nel proposito di abbassare la quantità di zucchero presente, per questo la seconda volta abbiamo trovato un buon compromesso anche su questo fronte. Otterrete una torta alla zucca morbida, non troppo dolce e molto profumata. Anche in questo caso potete arricchire la torta con gocce di cioccolato, noci o uvetta in base ai vostri gusti. Per quanto riguarda la cottura della zucca la potete cuocere sia al vapore, sia in forno avvolta in della carta stagnola.
Chiara


Immagine con più foto di torta alla zucca


Torta alla zucca

Ingredienti per uno stampo da 20 cm:
200g di zucca già pulita
200g di farina 00
125g di zucchero
2 uova
10g di lievito per dolci non vanigliato
60ml di olio di girasole
40ml di latte
mezza stecca di vaniglia
Cannella
Chiodi di garofano
Noce moscata

Cuocete al vapore oppure in forno la zucca. Una volta morbida, lasciate intiepidire la zucca prima di utilizzarla. La zucca potrebbe rilasciare dell’acqua che eliminerete prima di frullarla. Frullate la zucca con il minipimer. In una ciotola mescolate la farina setacciata, lo zucchero e le spezie. In un’altra ciotola sbattete le uova, aggiungete la purea di zucca, i semi estratti dalla bacca di vaniglia, l’olio e il latte. Mescolate bene. Unite il composto di uova e zucca nella ciotola contenente gli ingredienti secchi e mescolate bene fino ad ottenere un composto privo di grumi. In ultimo aggiungete il lievito e mescolate. Versate il composto in uno stampo a cerniera rivestito di carta forno. Cuocete a 180 °C in forno preriscaldato per 25-30 minuti.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe