Torrone dei morti

mercoledì, novembre 06, 2019



Bramo il torrone dei morti dal raduno Mtchallegne svoltosi a Sinalunga, nel 2015. Era stato preparato dalle sapientimani di Anna Luisa, troneggiava sulla tavola imbandita da ogni prelibatezza come solo un torrone sa fare.
Io, poco amante del genere, in prima battuta l’ho evitato. Poi la scoperta:

 “si chiama torrone, ma torrone non è”

Da lì l’assaggio e l’amore, tanto che quattro anni dopo mi frulla ancora nella testa il ricordo e sento il bisogno di prepararlo. Un dolce il cui ingrediente principale è il cioccolato: il fondente che fa da guscio, il cioccolato bianco di cui è composto il ripieno a cui si aggiunge la crema di nocciole e le nocciole intere. 
In definitiva un grosso cioccolatino ripieno, come lo ha definito una mia cara amica.

Il torrone dei morti è un dolce tipico della tradizione culinaria napoletana che viene preparato per la festa di Tutti i Santi. La tradizione di preparare dolci per commemorare i morti accomuna tutta la penisola italiana, ognuno con la propria tradizione. Molti dolci tendono a ricordare la festività dei morti attraverso la forma e la consistenza, come le “ossa di morto”. In Toscana è uso preparare il “pan co’ i santi” che, ancora manca su queste pagine ma alla cui assenza abbiamo intenzione di rimediare al più presto.
Marta


Cose da sapere

Temperaggio. Su questo punto trovate qua e qua, spiegazioni molto esaustive a riguardo. Io mi sono trovata sprovvista di termometro, ho proceduto per insiminazione, sciogliendo quasi tutto il cioccolato fondente a bagno maria (il 95% più o meno), lasciandone un po’ da parte che ho aggiunto una volta fuori dal fuoco.

Tempi. Dopo aver inserito il ripieno nel guscio non ho aspettato che si solidificasse prima di fare lo strato di chiusura. Questo ha fatto sì che una parte di quello che doveva essere il guscio sia finito all’interno del ripieno. Il consiglio è di aspettare, non sciupa la ricetta fare come ho fatto io, ma l’estetica sì.

Attrezzatura. Io ho usato un recipiente usa e getta in alluminio -una vaschetta da due porzioni-  per paura che non si staccasse dal contenitore. Se il temperaggio viene eseguito bene non è necessario un contenitore “morbido” si può usare lo stampo classico da plumcake. Se non siete sicuri delle vostre doti di cioccolatai i contenitori in alluminio o in silicone fanno al caso vostro.

Torrone dei morti

Tempi preparazione: 20 minuti – Riposo: 2 ore
Ingredienti:
300 g cioccolato fondente
500 g cioccolato bianco
200 g crema di nocciole
100 g nocciole intere

Sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria. Tenetene circa un terzo da parte e il restante versatelo in una vaschetta di alluminio, da “due porzioni”. Fate in modo che il cioccolato rivesta tutto il contenitore, capovolgetelo in modo da togliere l’eccesso e lasciatelo solidificare. Fate sciogliere il cioccolato bianco a bagno maria, unite la crema di nocciole ed infine le nocciole spezzettate grossolanamente. Quando gli ingredienti saranno amalgamati versateli nella vaschetta rivestita di cioccolato fondete e fate solidificare. Una volta che sarà solido coprite con il cioccolato fondente. Fate raffreddare, capovolgete e servite.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe