Sformatini di carote viola

martedì, gennaio 29, 2013



Sono sempre stata una persona curiosa, anche in cucina. Durante il periodo trascorso a Londra sono finalmente riuscita a togliermi un po’ di curiosità e ho scoperto che sapore hanno il rabarbaro e la butternut squash, sono riuscita a reperire spezie dai nomi sconosciuti e a infilare in valigia qualche regalo goloso da distribuire una volta a casa (oltre a qualche props!). La frutta e verdura che compravo là, non si avvicinano nemmeno lontanamente alle nostre e non vi nascondo che soprattutto in estate ho sentito la mancanza di frutti come pesche e albicocche. Però il risvolto buono della medaglia c’è stato: ho provato un sacco di cose che da me non sono facilmente reperibili. Ho approfittato della vicinanza del Borough market per comprare un mazzetto di carote viola, che da tanto tempo volevo provare. I “potenti” mezzi della mia cucina non mi hanno permesso molto, se non di saltarle in padella insieme a quelle arancioni che comunemente troviamo anche da noi. Mi sono piaciute subito perché sono meno dolci di quelle a cui siamo abituati e soprattutto da crude hanno un sapore fresco che mi ha subito conquistato. Non appena le ho trovate anche dalle mie parti ho pensato subito di utilizzarle per fare qualcosa di leggermente più elaborato, come questi sformatini in cui le ho abbinate allo zenzero fresco (altro ingrediente di cui sto letteralmente abusando da qualche mese a questa parte).  Se state già iniziando a chiedervi quale stramba modificazione abbia portato all’ottenimento di queste carote vi consiglio di dare un’occhiata al blog di questo signore qui, che come al solito spiega in maniera semplice ed esauriente la loro provenienza. La carota viola, originaria dell’Afghanistan, appare in Europa molto prima di quella arancione che sembra sia stata introdotta solo nel 1500 in Olanda, per selezione di carote gialle (anch’esse molto diffuse a quel tempo) dal colore più intenso o a causa di una mutazione genetica di colore arancio.  

Sformatini di carote viola

Ingredienti per 6 sformatini

310g di carote viola
10g di zenzero fresco
uno spicchio di cipolla
ricotta
un uovo
sale e olio

Fate un soffritto con la cipolla e un pò d’olio, dopodiché aggiungete le carote precedentemente pulite e tagliate a rondelle. Fate cuocere fino a che non diventeranno morbide. A metà cottura aggiungete anche lo zenzero fresco grattugiato. Aggiustate di sale.
Preriscaldate il forno a 180-200 °C.
Una volta cotte, frullate le carote e aggiungete la ricotta e l’uovo. Mescolate bene in modo da ottenere un composto omogeneo. Distribuite il composto negli stampini precedentemente unti e spolverati con il pangrattato e passate in forno a 180-200 °C fino a quando non vedrete formarsi una crosticina sulla superficie. Lasciate intiepidire prima di servire.  


Purple carrot flans

Ingredients for 6 small flans

310g purple carrots
10g of grated ginger
A small onion or a piece of a big one
2 tablespoon of ricotta cheese
1 egg
Salt and olive oil

Peel carrots then slice. Sautè the onion with olive oil  in a pan and then add the carrots and the grated ginger. Cook the carrots over medium heat until soften. Season with salt.
Preheat oven at 180-200 °C.
Blend the carrots with an immersion blender and then add 2 tablespoons of ricotta cheese and an egg. Mix throughly  and season with salt if needed. Butter and sprinkle with bread crumbs 6 small baking pans and spoon the carrot flan into it. Bake the flans at 180 -200 °C until firm and golden. Cool before serving.




You Might Also Like

13 commenti

  1. Queste carote hanno un colore meraviglioso, sexi e attraente. Non le ho mai provate...ma solo perchè non le ho mai trovate! Appena le reperisco...a costo di andare a Londra (ogni scusa è buona) provo questi tortini. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non le avevo mai trovate, ma solo perchè dove abito non c'è una gran varietà di supermercati. Avevo letto che si possono trovare all'esselunga, io le ho trovate da panorama. Alla coop (anche quelle grosse) nessuna traccia.

      Elimina
  2. A chi lo dici, io sono curiosa soprattutto in cucina! :D Questi sformatini devono essere deliziosi e poi che belli viola! :D Complimenti, un bacione e buona giornata :**

    RispondiElimina
  3. mi hanno sempre incuriosito questi ortaggi viola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho provato sia le patate che le carote viola, ma le carote mi sono piaciute molto di più!

      Elimina
  4. Ricambio volentieri la visita...le carote viola: qui da me ancora non si trovano facilmente, giusto in qualche negozio bio di Roma: devo conoscerle meglio...buonagiornata cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche noi le abbiamo trovate per caso..ma come a Roma non si trovano?!Ho sempre pensato che nella capitale si potesse trovare di tutto...

      Elimina
  5. Arrivo dal blog di Lizzy e mi hai incuriosito perchè dicevi che sei nel periodo torte da colazione....Anch'io di brutto!! Ma noi le finiamo subito anche se siamo solo in due... hehehe...
    Mi piace molto qui, un blog elegante, con belle ricette e bellissimi scatti. Mi unisco subito ai tuoi lettori e ti aspetto da me se ti va!!
    A presto. Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, vado subito a dare un'occhiata!

      Elimina
  6. Guarda potrei farti una lista di ingredienti che vorrei utilizzare ma qui non se ne vede l'ombra... tra questi rientrano le carote e le patate viola e il rabarbaro!
    Intanto assaporo virtualmente i tuoi tortini! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah il rabarbaro non sono mai riuscita a trovarlo, mentre ho trovato le carote e le patate. Pensa che per farlo assaggiare a casa l'ho infilato in valigia di ritorno da Londra...

      Elimina
  7. Miam miam! I love the color!
    Beautiful photos!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe