Un elogio del cavolo

martedì, novembre 12, 2013


Sabato hanno cercato di convincermi che il bello è raro. Il bello è raro e per questo va preservato. Giustissimo, ma non sempre è vero o perlomeno dipende dal tipo di bello di cui stiamo parlando. Nel mezzo a tanta bruttura, sono infatti convinta che il bello possa esser trovato negli occhi di chi osserva e che la natura offra infiniti spunti ad un osservatore attento. Il bello è quindi ovunque, basta solo ricercarlo.
Prendete per esempio il cavolo. E’ una verdura timida e non molto amata. Spesso passa inosservata, l’unica cosa che salta subito alla mente è l’odore che emana durante la cottura. Una verdura un po’ bistrattata che nasconde però una bellezza disarmante. Basta pensare alle infiorescenze bianche e violette del cavolfiore, al verde blu bozzoluto del poco conosciuto cavolo nero e alle precise geometrie del cavolo romanesco per iniziare a ricredersi. Tagliate a metà il cavolo cappuccio viola e ditemi se non vi sembra bello quello che noterete al suo interno. Potrei andare avanti così ancora un bel po’, descrivendovi altre due o tre varietà di cavolo degne di nota. Oltre ad essere bello poi, fa anche bene ed è molto versatile. Può  infatti essere cotto in vari modi prestandosi alla realizzazione di molteplici piatti. Nel nostro caso, il cavolfiore arricchito da un pesto di capperi e mandorle, è stato utilizzato come ripieno per delle torte salate in versione monoporzione. Sotto questa veste, sono riuscita a farlo apprezzare anche alla sorella che solitamente lo rifugge.


Tartellette di cavolo con pesto di capperi e mandorle
Ingredienti per 8-9 tortine

Per la base
120g di farina 00
80g di farina di farro
5 g di sale
90 g di burro a pezzetti
1 uovo
15 ml di acqua

Per il ripieno
430 g di cavolfiore
200 ml di crème fraîche
80 g di latte
1 uovo
10 g di mandorle
15 capperi sotto sale
un ciuffo di prezzemolo
2 cucchiai di pangrattato

In una ciotola lavorate le due farine, il sale e il burro morbido con le dita, fino a quando il quest'ultimo non è stato completamente assorbito dalla farina. A questo punto aggiungete l’uovo e l’acqua continuando ad impastare. Una volta ottenuto un impasto omogeneo, avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigo per almeno un ora. Nel frattempo pulite il cavolfiore, privatelo delle foglie e dividetelo in cimette piuttosto piccole. Saltatelo in padella con poco olio e uno spicchio d’aglio. Salate e lasciate andare fin quando non si ammorbidisce. Preparate con l’aiuto di un frullatore un pesto piuttosto grossolano di capperi, mandorle e prezzemolo. Togliete il cavolfiore dal fuoco e fatelo raffreddare. Una volta tiepido trasferitelo in una ciotola e condite con il pesto di capperi. Aggiungete la crème fraîche, il latte e l’uovo. Mescolate bene e aggiungete, se il ripieno vi sembra troppo liquido, uno/due cucchiai di pangrattato. Aggiustate di sale e pepe, se necessario. Con il mattarello stendete la pasta e rivestite uno stampo da crostata, oppure degli stampini monodose precedentemente imburrati. Versate il ripieno e cuocete in forno preriscaldato a 200 °C per una ventina di minuti circa.




You Might Also Like

17 commenti

  1. Cavolo forever, è bellissimo, un'opera d'arte della natura, mi piace un sacco sia crudo che cotto e ho giusto giusto gli ingredienti a casa...sarebbe un modo per farlo mangiare al pargolo. Pensa che mangia i broccoli perchè quando li faccio con le orecchiette li ripasso bene bene e gli dico che è pesto. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono riuscita a farlo mangiare a Marta, secondo me riesci a convincere anche il pargolo!Eh eh il pesto di broccoli mi sembra una gran furbata :)
      un bacione

      Elimina
  2. bellissima idea non so mai cosa farci con il cavolfiore. Ottima veramente i miei complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena. D'inverno il cavolfiore e non solo viene cucinato spesso a casa nostra, alcune volte viene semplicemente lessato, altre lo trasformiamo in uno sformato. E' buono anche risaltato in padella o come condimento con la pasta. Insomma, ti ho buttato lì un po' di idee ;)

      Elimina
  3. Il bello può essere scovato ovunque anche dove non lo cercheresti mai, come per esempio in un cavolo che invece con le sue mille sfaccettature ti può sorprendere e a me sorprendono piacevolmente le tue deliziose e bellissime tartellette :)

    RispondiElimina
  4. il cavolo si abbina in mille modi, il tuo è perfetto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un ingrediente davvero versatile, si può cucinare in tanti modi e spesso vengono fuori delle ricettine niente male!

      Elimina
  5. MMMMMhhh.. devono essere deliziosi questi tortini!

    RispondiElimina
  6. A me piace e anche molto. E' vero che in cottura l'odore che lascia per casa non è il massimo, ma basta arieggiare un po'. Ed effettivamente sono bellissimi i cavoli, la bellezza è ovunque, basta cercarla. Bella ricetta!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il gioco vale la candela!L'ho preparato proprio stasera (ho fatto uno sformato di cavolfiore!) ed effettivamente mi ha "profumato" un po' la casa, ma ne è valsa la pena. Come per queste tartellette del resto!!un abbraccio

      Elimina
  7. .. se lo merita tutto!!!!!!!
    è buonissimo, versatile, fa benissimo.. ricco di virtù.. ed ora è di stagione, sarebbe da folli non sfruttarlo!
    .. ed un elogio a questi tortini, che pagherei per avere a cena!
    baciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si un elogio era doveroso per uno dei protagonisti indiscussi di questa stagione!!

      Elimina
  8. Troppo buone queste tortine!!!!!

    RispondiElimina
  9. quello che ci vorrebbe a mio marito.. un escamotage per fargli mangiare il cavolfiore.
    neanche sotto tortura. fa delle scenate a tavola da bimbo di due anni: perchè perchè mi hai fatto questo?? io non lo mangioooo! c' è qualcos' altro? allora mangio il formaggio.
    vagli aspiegare che formaggio, prosciutto, patate ecc non sono verdura. ma me lo fa apposta ed io lo so.
    ora provo con le tartellette magiche!
    bacione!!

    RispondiElimina
  10. Carmen Consoli cantava che la bellezza delle cose ama nascondersi... e io sono perfettamente d'accordo, non sempre è esibita e sotto gli occhi di tutti... bisogna scavare, cercare, avere occhi aperti e curiosi...
    Rido perchè proprio a pranzo ho mangiato il cavolfiore e non ti dico i lamenti della mia dolce metà... ha osato dire che è uno dei cibi più "squallidi" in assoluto, ahaha! Ma non è vero... cucinato con fantasia, come vedo qui, è buono e pure gradevole esteticamente! Io l'ho trovato anche viola e gli ho fatto già varie foto... ;-)

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe