Frittelle dell'imperatore

martedì, febbraio 17, 2015


Ci siamo rese conto che in tutti questi anni di blog, il carnevale è sempre passato inosservato da queste parti. Nessuna ricetta di cenci, castagnole o altri dolci carnevaleschi. Il blog rispecchia un po' quello che succede nella nostra cucina: la mamma dopo aver provato a cimentarsi con i fritti di carnevale ha abbandonato gli esperimenti e noi, per evitare clamorosi flop abbiamo seguito le sue stesse orme. La tradizione dolce quindi a casa della cucina spontanea non esiste, solo polpette e patatine per il nostro martedì grasso. Sempre di fritto si tratta e quelle si che le vengono bene. Slegate da qualsiasi tradizione, abbiamo deciso di rispolverare dei dolci carnevaleschi un po' meno noti dei classici cenci. Le frittelle dell'imperatore, ricetta di origine medievale, ci sono capitate per le mani grazie ad un vecchio numero di sale e pepe. Sembra che il loro nome derivi dal colore dorato che assumono una volta cotte quello delle monete d’oro e dei gioielli da imperatore. Si tratta di morbide frittelle di ricotta e pinoli, alle quali abbiamo aggiunto un sentore di arancia che le rende profumate e ancora più buone. Da mangiare calde e cosparse di zucchero semolato.




Frittelle dell’imperatore

Ingredienti per 4 persone:

200 g di ricotta
80 g di farina
80 g di zucchero
40 g di pinoli
2 albumi
1 arancio non trattato (la buccia)
1 pizzico di sale
Olio di semi per friggere
Zucchero

Passate la ricotta attraverso un setaccio per eliminare i grumi. Aggiungete gli albumi, la farina setacciata, lo zucchero, la scorsa d’arancia grattugiata e il sale. Tritate i pinoli grossolanamente ed uniteli al composto.
Scaldate abbondante olio in una padella e friggete il composto a cucchiaiate. Una volta dorate, scolatele con un mestolo forato e fatele asciugare su carta da cucina. Successivamente passatele nello zucchero e servite.


You Might Also Like

3 commenti

  1. Beh, se questo lo chiamate flop :) Sono venute benissimo e quella coppetta invita proprio ad infilare dentro le mani e provarle, una ad una :)

    RispondiElimina
  2. Che belle foto! Complimenti ;) Buona giornata, a presto. eleonora

    RispondiElimina
  3. Spio il vostro blog da qualche tempo, adoro la vostra sinergia tra sorelle, ma non ho mai trovato l'occasione di lasciarvi detto quanto ciò che fate mi piaccia. Tendo a essere sempre estremamente prolissa nei commenti, quindi ne lascio pochi (ma buoni, dai). Anche da me i dolci di carnevale sono i grandi assenti (ma so compensare in fatto calorico), forse perché intimidita da anni di deliziose frìtole veneziane, forse perché il carnevale è una festa di cui un po' a malincuore mi dimentico. Però il fascino dei suoi dolci rimane intatto. Penso sappiano di antico: hanno quel tocco fuori dal tempo che mi ha sempre ammaliata. E le vostre non solo nell'aspetto ma anche nel nome! Stanno d'incanto in un blog così sobrio, e per questo le ho commentate. O forse per la malinconia di aver dimenticato ancora una volta il carnevale?

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe