Hot cross buns

martedì, marzo 22, 2016


I dolci pasquali sono una tradizione di questo blog. Abbiamo iniziato con qualcosa che conoscevamo bene, come la schiacciata di Pasqua, sempre vista fare dalla nonna. Negli anni successivi, abbiamo sperimentato qualcosa al di fuori del nostro orticello, rimanendo sempre però nei confini regionali. L’idea di degli hot cross bun era nell’aria già da un po’, ma ogni anno veniva rimandata per lasciare il posto alla nostra tradizione. Dopo aver stazionato per ben tre anni all’interno della nostra to do list, ci siamo decise a preparare questi panini anglosassoni. La loro origine e la storia dietro a questa ricetta li rende ai nostri occhi ancora più affascinanti. Gli hot cross buns sono dei panini dolci preparati durante il periodo di Pasqua ed in particolare il venerdì santo. Molte credenze ruotano intorno a questa preparazione, sia per quanto riguarda la sua origine sia per le qualità che gli vengono attribuite. La croce disegnata sulla loro superficie in prima battuta sembrerebbe rappresentare un chiaro riferimento cristiano anche se le loro origini affondano le radici in epoche molto più antiche e sono riconducibili a riti pagani legati alla venerazione della dea sassone Eostre. Dopo lo scisma con la chiesa cattolica, i monaci protestanti vedendo in questi panini dei rimandi cattolici chiesero che fossero banditi e un’ordinanza limitò la loro vendita al venerdì santo, al Natale ed in occasione di poche altre festività. Secondo la credenza popolare, i panini preparati il venerdì santo non ammuffiscono e conservati in casa la proteggono dalla sfortuna. A questi panini venivano attribuiti anche dei poteri guaritivi e venivano utilizzati come medicina una volta grattugiati e mescolati con l’acqua, ma credetemi è molto meglio addentarli appena sfornati, morbidi e profumati, anche in questo caso avranno un meraviglioso effetto curativo. Gli inglesi ormai ne propongono molte varianti, noi per il momento abbiamo cercato una ricetta abbastanza aderente alla tradizione. Al posto dell’uvetta, che spesso non piace, è possibile mettere i cranberries disidratati o se volete potete mantenerli entrambi.



Per i bun:
400g di farina (200g di 00 e 200g di manitoba)
60g di zucchero
200g di latte
50g di burro fuso
80g di uvetta
6g di lievito di birra secco
1 uovo
1 cucchiaino di cannella in polvere

Per la croce:
80g di acqua
75g di farina
1 cucchiaio di zucchero a velo

Sciroppo:
55 g acqua
55 g zucchero

Versate le farine, lo zucchero, la cannella e il lievito in una ciotola capiente. Unite il latte tiepido e l’uovo leggermente sbattuto. Iniziate ad amalgamare gli ingredienti, in seguito aggiungete anche il burro fuso e l’uvetta, continuando ad impastare. Impastate fino a che non otterrete un impasto liscio e compatto. Mettete a riposare lontano da correnti fino al raddoppio (2 ore). Trascorso questo tempo, sgonfiate con le mani l’impasto e dividetelo in 12 palline tutte dello stesso peso. Formate delle palline e disponetele una accanto all’altra (3x4) in una teglia dai bordi alti ricoperta di carta forno. Le palline non devono essere disposte molto lontane tra loro, in modo che durante l’ultima lievitazione si uniscano. Coprite con uno strofinaccio e lasciate lievitare per un’altra ora circa. Nel frattempo preparate la pastella per le croci. In una piccola ciotola mescolate la farina con lo zucchero a velo ed in seguito unite l’acqua. Mescolate in modo da ottenere una pastella liscia e non troppo liquida. Versate la pastella in una sac à poche usa e getta. Una volta che i panini sono raddoppiati, formate delle croci su ognuno di questi. Procedete facendo prima tutte le linee orizzontali. Ruotate poi di 90° la teglia e fate le altre linee in modo da ottenere una croce. Infornate in forno preriscaldato a 180 °C per 20-25 minuti circa. Nel frattempo preparate uno sciroppo sciogliendo lo zucchero nell’acqua in un pentolino sul fuoco. Portate ad ebollizione e fate addensare leggermente. Una volta fuori dal forno, spennellate la superficie degli hot cross buns con lo sciroppo di acqua e zucchero.




Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci qui!


Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi qui

You Might Also Like

9 commenti

  1. con queste foto a grandezza naturale viene proprio spontaneo allungare la manina per prenderne almeno 1!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah grazie Silvia!effettivamente le foto sono venute molto invitanti :)))

      Elimina
  2. Hanno un aspetto meraviglioso! E pensare che non li ho mai assaggiati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche noi abbiamo rimandato un sacco di volte la preparazione, ma credimi li devi provare perché sono proprio buoni!!!Li rifaremo anche senza la scusa della Pasqua.
      un abbraccio

      Elimina
  3. Mai assaggiati ma sempre desiderato farlo!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi era da un bel po' di tempo che li volevamo provare e quest'anno ci siamo buttate. Buonissimi!!!!

      Elimina
  4. Li ho provati l'anno scorso, seguendo un'altra ricetta, ma erano troppo speziati e non hanno avuto il favore dei miei (anche se io li ho adorati). Quest'anno non ho tempo di rifarli, ma prossimo anno li rifaccio con la vostra ricetta :) Sembrano sofficiosissimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo trovato un sacco di ricette e le spezie variavano un po' da ricetta a ricetta. Qui abbiamo messo solo un po' di cannella ma non vengono esageratamente speziati. Si sono venuti super soffici e per noi è una conquista visto che quando si parla di lievito il flop è sempre dietro l'angolo...un abbraccio

      Elimina
  5. SONO FAVOLOSI! Non li conoscevo ed è interessante la storia che hanno. Nella lista delle cose da fare ho segnato già un appuntamento per la mattina del venerdì Santo del 2017: suonare il campanello a casa Calugi!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe