Pici cacio e carciofi

martedì, marzo 15, 2016


Campanilismi che si contaminano.
Cosa succede se due ricette tipiche di regioni diverse si incontrano? Nascono nuovi piatti. Un po’ come è successo in questa ricetta, dove la Toscana e il Lazio si sono incontrati per fondersi in un primo piatto che strizza l’occhio alla tradizione ma al tempo stesso se ne allontana. Prima che nascano conflitti ve lo dico subito, non è la tipica cacio e pepe, non verrà chiamata tale e non ha la pretesa di esserlo. L’uso del pecorino toscano invece del romano e l’aggiunta dei carciofi nel condimento danno vita ad un piatto diverso.
Poi ci sono loro, i veri protagonisti della ricetta: i pici.
Non è la prima volta che li mettiamo in tavola, ci eravamo già cimentate nella loro preparazione un bel po’ di tempo fa. Il risultato, visto con gli occhi critici di adesso, forse era un po’ grossolano, ma la ricetta era davvero molto buona. Ci eravamo dimenticate della facilità e semplicità di questa ricetta, bastano solo tre ingredienti per poter ottenere una pasta fresca versatile, che ben si presta a diversi accompagnamenti, dal ragù ai sughi con le verdure.
Se non siete sfogline esperte, se per realizzare la pasta ripiena impiegate un giorno intero, ma avete in programma una cena alla quale tenete, vi consiglio di preparare i pici in casa. Aver preparato la pasta con le vostre mani vi farà fare una gran figura, senza dover passare un giorno intero a riempire ravioli. Se non fate parte del team “le lumachine della pasta ripiena” chapeau, i pici ve li raccomando comunque. Per la ricetta dei pici ci siamo affidate a quella che Patty propose per l’mtchallenge aGennaio 2013. Non avevamo ancora iniziato a giocare con questa community, ma la sua ricetta e tutte le varianti proposte ci incuriosirono tanto che il mese successivo già eravamo alle prese con la nostra prima sfida targata MTC.  




Pici cacio e carciofi

Ingredienti per 4 persone:

Per i pici

200g di farina 00
100g di semola rimacinata
2 cucchiai abbondanti di olio
acqua (un bicchiere circa)
un pizzico di sale

Per il condimento

1 carciofo
100g di pecorino toscano poco stagionato
1 spicchio d’aglio
vino bianco per sfumare
sale e pepe
olio extravergine d’oliva

Pulite il carciofo eliminando le foglie più esterne, tagliando la cima ed eliminando, se presente, la peluria interna. Tagliate il carciofo a fettine sottili e mettetele in una ciotola con dell’acqua leggermente acidulata con del succo di limone. In una padella fate soffriggere uno spicchio d’aglio con dell’olio. In seguito unite le fettine del carciofo e mescolate. Sfumate con del vino e salate. Continuate a cuocere fino a che non saranno tenere. A cottura ultimata completate con una spolverata di pepe macinato sul momento. 
In una ciotola capiente grattugiate il pecorino e lasciate da parte.

Sul piano di lavoro fate la fontana con le due farine. Versate l’olio al centro e il pizzico di sale. Iniziate ad amalgamare l’olio alle farine con l’aiuto di una forchetta. Lentamente iniziate ad aggiungere l’acqua, sempre mescolando con una forchetta e cercando mano a mano di incorporare sempre più farina. Quando la farina inizierà a stare insieme, iniziate ad impastare con le mani. Se necessario aggiungete altra acqua. Impastate energicamente utilizzando i palmi delle mani fino a che non otterrete un composto bello liscio e compatto (10 minuti circa). Formate una palla. La superficie di questa deve essere liscia e non granulosa. Lasciate riposare in frigo per mezz’ora circa avvolta nella pellicola. Trascorso questo tempo, staccate dalla palla un pezzetto e stendetelo con un mattarello ad uno spessore di 1 cm. Con un coltello tagliate tante striscioline larghe circa 1 cm. Coprite la restante pasta con la pellicola per evitare che si secchi. Prendete una di queste striscioline e iniziate a rollare con i palmi delle mani e allo stesso tempo cercate di allungare verso l’esterno il filo che si sta creando. Cercate di ottenere dei “fili” abbastanza sottili considerando che durante la cottura andranno ad aumentare di volume. Continuate in questo modo fino al termine dell’impasto. Mano a mano che li fate infarinateli con della semola e disponeteli su di una spianatoia in modo che non si attacchino.
Cuocete in abbondante acqua salata. Una volta calati nell’acqua questi inizieranno a tornare a galla. Quando l’acqua riprende a bollire attendete 5 minuti.

Durante la cottura dei pici, prelevate un paio di mestoli di acqua di cottura e versatela all’interno della ciotola contenete il pecorino. Mescolate bene, il pecorino con il calore dell’acqua si scioglierà formando una crema che sarà il condimento dei vostri pici. Unite i carciofi e una bella spolverata di pepe macinato sul momento. Una volta cotti, scolate i pici e uniteli al condimento. Mescolate velocemente, in modo che tutto si amalgami bene e servite. 




Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 
QUI!

You Might Also Like

2 commenti

  1. Potrei prendere il coraggio a 2 mani e provare a proporli per Pasqua... in casa ne siamo tutti ghiotti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io era da un po' che non li preparavo, ma sono davvero semplici. Forza e coraggio ;)

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe