Crostata ricotta e cioccolata

giovedì, marzo 03, 2016


Premessa: il mio dolce preferito è il tiramisù, quello di mia madre, per l’esattezza. Dolce che amo fin dalla tenera età e che avrei voluto ad ogni compleanno senza che tale desiderio venisse esaudito perché: “Marta, il tiramisù il 18 di agosto è troppo pesante, non si fa”. Questa premessa per farvi capire quali siano i miei gusti e perché dovendo scegliere il piatto preferito mi indirizzo sempre su ricette classiche (leggi anche banali), che poco hanno a che fare con la ricercatezza, ma piuttosto con questioni di pancia.
Capite adesso perché la crostata con la crema alla ricotta e cioccolata sia entrata nella mia top five, ma azzardiamo pure dicendo che sta lì, subito dopo il tiramisù. Ai dolci carichi di burro e cioccolato, preferisco questo guscio di pasta frolla con ripieno di crema alla ricotta e questa versione che abbiamo provato qualche settimana fa è tra le migliori che sia uscita dal nostro forno.
C’è il giusto di tutto, la crema morbida dove l’uovo non è troppo presente, una punta di rum e il cioccolato fondente a completare il tutto.
Dopo il primo morso, mi sono voltata verso Chiara ed ho esclamato “Mondiale!”. Ed era veramente tanto tempo che non avevo un tale sussulto di fronte ad un piatto. Non fraintendetemi, non è che non abbia mangiato e preparato ricette degne di nota, al contrario, ma era da tempo che una ricetta nel suo complesso semplice riuscisse a sorprendermi.

Siamo sempre alla ricerca della ricetta sofisticata, l’abbinamento particolare, l’ingrediente improbabile, quando poi la vera rivelazione è dietro l’angolo.






Crostata con crema di ricotta e cioccolato

Per la frolla:
150g di farina 00
100g di farina di farro
125g di burro
105g di zucchero
1 uovo ed 1 tuorlo
scorza grattugiata di un limone
2 cucchiaini di lievito per dolci

400g di ricotta vaccina
1 uovo
90g di zucchero
2 cucchiai di rum
50g di cioccolato fondente
Zucchero a velo

In una ciotola contenente la farina aggiungete il burro a pezzetti. Lavorate velocemente con le punta delle dita per incorporare il burro alla farina. Una volta ottenuto un composto “bricioloso”, aggiungete lo zucchero, le uova, la scorza grattugiata del limone ed infine il lievito. Continuate a lavorare velocemente, fino ad ottenere un composto compatto e omogeneo. Dividetelo in modo che vi rimanga della frolla per la copertura (meno della metà). Stendete la frolla con il mattarello e rivestite la tortiera leggermente imburrata. 
Riponete in frigo per una mezz’oretta.
Nel frattempo preparate la crema di ricotta. In una ciotola mescolate la ricotta con lo zucchero. Unite l’uovo, il rum e mescolate il tutto. Tritate grossolanamente il cioccolato e mettete da parte.
Dopo aver tolto dal frigo la pasta frolla, bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e distribuite il composto di ricotta. Al di sopra di esso distribuite la cioccolata. Sbriciolate la restante pasta frolla sulla superficie della torta. Per ottenere un risultato omogeneo, abbiamo utilizzato una grattugia dai buchi larghi con la quale abbiamo letteralmente grattugiato la pasta frolla. Per fare questa operazione è necessario che la pasta frolla messa da parte sia bella fredda. Infornate il tutto a 180 °C per 20-30 minuti circa. Attenzione soprattutto al fondo della torta perché, visto il carattere umido del ripieno, c’è il rischio che si inumidisca troppo. Una volta sfornata lasciate intiepidire e completate con una spolverata di zucchero a velo.




Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 
QUI!

You Might Also Like

4 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe