Il pollo fritto

martedì, febbraio 21, 2017

Pollo fritto marinato al latticello con due impanature diverse

Quando penso al pollo fritto, inevitabile è il collegamento con la scoperta del Kentucky Fried Chicken. Durante la mia prima vacanza studio in Inghilterra erano ancora lontani gli anni di James Olivier, o comunque nella cittadina di Bath, nessuno di certo ne aveva mai sentito parlare. Così per sopravvivere a spaghetti che dalla scatoletta approdavano dritti nel piatto, ci rifugiavamo tra i tavolini rassicuranti dei fast food. Il KFC fu la novità: pollo fritto e presentato in cestelli di cartone, le cui dimensioni variavano in base al numero dei pezzi. In tre settimane di vacanza, la sopravvivenza e la disponibilità della materia prima, portarono a fare scorpacciate di questo piatto, accompagnato (per non farsi mancare niente) dal gelato agli smarties di un’altra nota catena di fast food. Quel pollo, mi sembrava delizioso. Quando è stato annunciato il tema della sfida dell’MTC di questo mese, potete quindi capire la mia contentezza, preparare il pollo fritto a casa è di certo tutta un’altra cosa. La ricetta proposta da Silvia, vincitrice della sfida sui macaron, prevedeva una marinatura al latticello che noi avevamo già sperimentato in passato. Non è la prima volta infatti che su questi schermi appare il pollo fritto, ci eravamo già cimentate con una ricetta di Martha Stewart, preparando però dei nuggets di pollo. Stavolta vuoi perché richiesto dal regolamento, vuoi per alzare l’asticella non abbiamo disossato il pollo. Per la panatura dovevamo invece cimentarci in due varianti differenti, una fedele alla ricetta proposta da Silvia e un’altra elaborata secondo la nostra fantasia. Per la variante creativa abbiamo pensato ad una marinatura arricchita con le spezie che di solito vengono utilizzate per la preparazione del pollo jerk e ad una panatura con il panko, un pangrattato di origine giapponese. Il tutto è stato accompagnato da una salsa piccante alle arachidi e da dei pickels di carote.


Foto di cosce di pollo fritte, impanate in due modi diversi

Pollo fritto infarinato

Ingredienti per 2 persone:
450 g di pollo (cosce e sovra cosce)  
250 ml di latticello
Farina 00 q.b
sale
1l di olio di semi di girasole per friggere

La sera prima mettete le cosce e le sovra cosce in una ciotola, copritele con il latticello, sigillate con la pellicola e riponete in frigo. Il giorno seguente togliete il pollo dal frigo e lasciate a temperatura ambiente su una gratella, in modo che la marinata sgoccioli via, per almeno mezz’ora. Passate i pezzi di pollo nella farina pressando leggermente la carne. Scuotete i pezzi in modo da eliminare l’eccesso di farina e disponeteli su un piatto piano pulito. In una pentola di allumino dal fondo spesso e dai bordi alti portate l’olio alla temperatura di circa 180°. Una volta raggiunta la temperatura friggete i pezzi di pollo 6-8 minuti per pezzo. Scolate bene ed adagiateli su un piatto coperto da carta assorbente. Servite caldo.

Pollo fritto impanato

Ingredienti per 2 persone:
500 g di pollo (cosce e sovra cosce)
250 ml di latticello
3 cucchiaini di spezie jerk
2 uova
Farina 00 qb
Panko* qb
sale e pepe
1 l di olio di semi di girasole per friggere

La sera prima mettete i pezzi di pollo a marinare nel latticello arricchito dalle spezie jerk. Riponete il pollo in frigo fino al momento della preparazione. Togliete il pollo dal frigo e lasciatelo a temperatura ambiente su di una gratella per farlo sgocciolare dalla marinata. In seguito, infarinate i pezzi di pollo, passateli nell’uovo sbattuto leggermente salato e in seguito nel panko. Friggete 6-8 minuti per pezzo in una pentola di alluminio dal fondo spesso, con almeno 1 litro di olio, alla temperatura di 180°.
Scolate, disponete i pezzi di pollo su carta assorbente. Servite caldo.

Per il panko:
10 g di pane per tramezzini

La sera prima disponete le fette di pane su una gratella e lasciatele seccare all’aria aperta. Il giorno successivo grattugiate il pane con una grattugia a fori larghi.

Salsa alle arachidi

Ingredienti:
100 g di burro di arachidi
½ peperoncino secco
½ spicchio d’aglio
1 pizzico di zucchero
1 cucchiaio di salsa di soia
3 cucchiai di aceto di mele
1 cucchiaio di acqua
il succo di mezzo lime

Tritate il peperoncino e l’aglio finemente. Nel bicchiere del frullatore ad immersione unite il burro di arachidi, l’aglio, il peperoncino, lo zucchero e i liquidi. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto ben emulsionato.

Pickels di carote

Ingredienti
260g di carote
190 ml di acqua
190 ml di aceto di vino bianco
52g di zucchero
1 cucchiaio e mezzo di sale
3 cucchiaini di semi di senape

Tagliate le carote a rondelle sottili con l’aiuto di una mandolina. Mettete gli ingredienti per la salamoia in un pentolino e fate scaldare a fuoco medio per far sciogliere lo zucchero e il sale. Riempite due vasetti puliti con le carote e i semi di senape, pressando bene. In seguito versate il liquido caldo sulle verdure in modo da riempire tutti gli spazi vuoti. Tappate e capovolgete i barattoli. Lasciateli freddare e poi conservateli in frigo. 


Foto ingredienti per salsa al burro di arachidi e salsa di soia

Con questa ricetta partecipiamo alla sfida del mese di febbraio dell'Mtchallege:


Banner sfida Mtchallenge n. 63



You Might Also Like

18 commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao ragazze! Avete fatto davvero un bel post! Ma dove si trovano le spezie jerk? Perché dopo il cardamomo nero, queste saranno l'ultima frontiera del gusto!!! Un abbraccio ad entrambe!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina!Le spezie per il fare il pollo jerk le ho prese quest'estate in Olanda :)
      ma forse si trovano anche qua da noi!!

      Elimina
    2. ma si possono anche fare in casa.. se volete, ho l'elenco :)

      Elimina
    3. vero alla fine è un mix di spezie note!

      Elimina
  3. Che meraviglia di foto... parlano da sole!!! Avete incuriosito anche me con le spezie jerk. Complimenti davvero, tutto molto bello. Marianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marianna!!le spezie le ho prese quest'estate in vacanza e aspettavo il momento giusto per poterle usare!

      Elimina
  4. Favoloso! Mette in moto la salivazione a mille al solo sguardo.
    Comunque penso che sul pollo fritto siamo tutti figli di KFC. Durante il mio primo viaggio negli US più di 30 anni fa, assaggiare il loro pollo fu un po' come vedere la Madonna. Dopo, ogni viaggio all'estero, prevede almeno una sosta in quella catena (mi vergogno un po' a dirlo ma è così) per capire se è ancora lo stesso.
    Ragazze, interpretazione fantastica e le vostre foto parlano e dicono che è buonissimo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty!!!si anche io un po' me ne vergogno, ma uno sgarro ogni tanto si può fare!!Poi davvero, durante la mia prima vacanza studio i fast food mi hanno sfamato, in famiglia mi davano della roba assurda e io mangiavo/mangio di tutto!un abbraccio

      Elimina
  5. Il pollo di KFC. Una cosa conturbante. Solo che io in Inghilterra ci sono stata sei mesi, e quindi il pollo si tradusse in 10 chili di più!! Però che figo Bath...non ci sono mai stata.
    Comunque il pollo sembra ottimo e la salsina alle arachidi da svenimento, già lo so :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si la salsina alle arachidi è una droga!!Bath me la ricordo con molto affetto, escluso il cibo, fu davvero una bella esperienza. Anche io ci sono poi tornata per 6 rimanerci mesi, ma molti anni dopo e a Londra, che è un discorso a parte. Un abbraccio

      Elimina
  6. io non so come si mangia in America o in Inghilterra, so solo che il vostro lo azzannerei golosamente, adesso. Bravissime!

    RispondiElimina
  7. Salsa alle arachidi e cartine pickles...con quella meraviglia di pollo. Bingo,bingo. Sempre brave!

    RispondiElimina
  8. Salsa alle arachidi e cartine pickles...con quella meraviglia di pollo. Bingo,bingo. Sempre brave!

    RispondiElimina
  9. io son figlia di Mc Donald's, se devo dirla tutta :)
    Non vi dico la paura, ai tempi della mucca pazza.. ero sicura di aver preso tutto quanto, visto che praticamente ho fatto colazione-pranzo-cena e tutti gli spuntini li dentro, ai tempi dell'Inghilterra :)
    KFC era troppo salutare, per i miei gusti :)
    Questo e' un pollo che piacerebbe da morire a mia figlia (anche a me piacerebbe da morire, ma nel senso letterale del termine, vista la mia allergia): mi ha lasciato arachidi e burro d'arachidi praticamente ovunque, discettando di super and healthy food... e spalmando kg di burro sul pane. Sono le nuove frontiere del cibo- e voi siete gia' un passo oltre. Come sempre.. Bravissime!

    RispondiElimina
  10. Siiiiiiiiiiiiiiii!!!! Deve essere una vera e propria delizia...già nella sua normalità il pollo fritto ha un suo perchè, ma pieno di spezie (che poi chiederò al mio droghiere di fiducia!!!) deve essere ancora più slurposo!!!
    Bravisssssime
    Buon week end

    RispondiElimina
  11. Intrigante il vostro pollo con quella salsina agli arachidi mi fa venire una voglia pazzesca di assaggiarlo. La presentazione è molto carina semplice ed esplicativa. Il pollo è fritto bene faccio un pò fatica a vederne l'interno perchè nella foto le coscette addentate sono piccoline. La panatura è dorata ed invoglia all'assaggio. Bravissime

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe