Mini sformati di riso e topinambur

martedì, dicembre 03, 2013



I vicini di carrozza non si scelgono, o meglio, non lo puoi fare quando sali sul treno affollato delle sei. Così ti ritrovi accanto ai personaggi più disparati e assisti alle conversazioni più improbabili. In dieci anni di pendolarismo ho ascoltato conversazioni telefoniche di ogni tipo, pettegolezzi di ogni tipo, lamentele sui colleghi di lavoro e le immancabili conversazioni sul tempo. Ogni tanto mi sono imbattuta in qualche disquisizione culinaria. In quei casi la curiosità ha la meglio e mi ritrovo automaticamente ad abbassare il volume della  musica che sto ascoltando o a fissare le pagine del libro che ho in mano senza scorrere le righe. Non c’è niente da fare, quando si parla di cucina, le mie antenne si drizzano. Ricordo ricette di risotti, dettagliate istruzioni per preparare sciroppi alla menta e disquisizioni sugli straccetti di pollo.
Durante una di queste sessioni “ti ascolto parlare di cucina mentre faccio l’indifferente” ho sentito pronunciare la parola topinambur e mi sono resa conto che questo era nella lista delle cose da provare da un bel po’. Mi ero riproposta di cucinarlo appena se ne fosse presentata l’occasione, così ho approfittato della lampadina che si è accesa durante il viaggio di ritorno a casa ed ho preparato dei tortini di riso. Il topinambur, chiamato anche carciofo di Gerusalemme, ha infatti un sapore che ricorda vagamente il carciofo. È piaciuto così tanto che è stato già riacquistato un paio di volte ed utilizzato in svariati modi. 



Sformatini di riso e topinambur
Ingredienti per 8 tortini

250g di topinambur
150g di riso
10g di burro
10g di parmigiano grattugiato
1 uovo
120g di cavolo nero
2 spicchio d’aglio
polvere d’arancia (facoltativo)

Pelate i topinambur e affettateli sottilmente.
In una padella fate rosolare uno spicchio d’aglio dopodiché aggiungete i topinambur tagliati a rondelle. Sfumate con un po’ di vino bianco e portate a cottura, aggiungendo acqua se necessari o e aggiustando di sale.  
Nel frattempo lessate il riso al dente, scolatelo e fermate la cottura sotto acqua fredda. Condite il riso con il formaggio e il burro. Aggiungete i topinambur e l’uovo leggermente sbattuto. Se vi piace aggiungete anche una punta di polvere d’arancia. Amalgamate bene il tutto e disponete in degli stampini precedentemente imburrati. Cuocete in forno caldo a 200 °C per circa 20 minuti. Nel frattempo lavate e tagliate a strisce sottili il cavolo nero, eliminando le costole più dure. Stufate in una padella con un po’ d’olio e uno spicchio d’aglio. Una volta cotti, sformate i tortini e accompagnateli con il cavolo nero.  



You Might Also Like

4 commenti

  1. Sono sempre stato incuriosito dal sapore dei topinambur che qui al sud non arrivano proprio. E così, durante incontri in giro per l'Italia con altri amici blogger, li abbiamo trovati e poi finalmente provati e ora mi dispiace ancora di più non trovarli, perché si prestano davvero bene per un sacco di ricette, come la tua che è splendida.
    Secondo me si potrebbero scrivere libri interi prendendo spunto dalle conversazioni in treno.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credo, perchè anche a noi sono piaciuti tantissimo!E' vero sono molto versatili, li abbiamo usati anche per un risotto, cotti in forno e per fare una frittata...
      Magari qualcuno ci ha già pensato al libro!

      Elimina
  2. Anch'io sono pendolare eppure mi faccio parecchio gli affari miei, sarà che non ho ancora beccato nessuno parlare di cucina..:D
    Il topinambur l'ho assaggiato per la prima volta solo qualche giorno fa e ancora non sapevo come cucinarlo, ne ho ancora un pezzetto in frigo e penso proprio che potrei prendere ispirazione da questi sformatini! Poi c'è anche il cavolo nero, che mi piace parecchio!
    Un bacio, a presto! (domattina drizzo un po' le antennine anch'io, mi hai incuriosita!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente anch'io anzi trovo piuttosto fastidiose le conversazioni telefoniche che durano ore, per questo porto sempre le cuffie...ma alle confidenze del tipo: ieri ho fatto un risottino...è più forte di me, ascolto. L'ispirazione si trova ovunque :)

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe