La tarte tatin ai pomodorini

martedì, luglio 26, 2016


Una domenica di fine luglio trascorsa sul divano, con il tour de France in sottofondo e il PC acceso. Un po’ assonnata e con qualche postumo della serata, ripenso al sabato appena trascorso. La mia amica Laura tra un mese si sposa e l’addio al nubilato non poteva essere più rimandato. Avevamo un buon motivo per festeggiare e direi che ci siamo riuscite alla grande, mettendo insieme 16 ragazze, una quasi sposa e la voglia di stare insieme. La serata è iniziata intorno alle 19 per concludersi più o meno 10 ore dopo su di un pulmino che dalla Versilia ci  riaccompagnava a casa. Nel mezzo c’è stata tanta spensieratezza, ma anche balli, cori e condivisione. Il tutto si è aperto con un piccolo buffet “in rosso” nel giardino messo a disposizione dalla mia amica Giulia. Ognuna aveva dato il suo piccolo contributo preparando qualcosa a tema, ovvero una ricetta che richiamasse il colore rosso, leitmotiv della serata. Ho sfruttato l’occasione per provare insieme al babaganoush, una ricetta adocchiata da tempo: la tatin dipomodorini di Vittoria Traversa, tratta dal libro Torte Salate. La torta risponde alla perfezione al teorema della “porca figura”: semplice, infallibile e buona.


Tarte tatin ai pomodorini

Ingredienti per una tortiera da 26 cm:

130 g pomodorini ciliegia
2 cucchiai di aceto balsamico
2 cucchiai di zucchero di canna
Erbe aromatiche
Sale e pepe
Olio extravergine d’oliva

Per la pasta briseé
200g di farina
100g di burro
50g di acqua fredda
4g di sale   

125 g di burrata per accompagnare (facoltativo)

In una ciotola, lavorate la farina con il burro, creando con l’aiuto delle dita un composto bricioloso. Aggiungete il sale e mescolate. Infine unite l’acqua, poco per volta e impastate fino ad ottenere un impasto compatto liscio. Coprite l’impasto con della pellicola e fate riposare in frigo per una mezz’oretta. Lavate i pomodorini e tagliateli a metà. In una padella fate sciogliere lo zucchero nella ceto balsamico, in seguito unite i pomodorini. Fateli caramellare, muovendoli con un mestolo di legno, in modo che lo zucchero sciolto li ricopra completamente. Fateli appassire leggermente, dopodiché toglieteli dal fuoco e fateli intiepidire. Ungete leggermente uno stampo e ricopritelo con i pomodorini, ben ravvicinati tra lìoro. Irrorateli con un filo d’olio. Stendete la pasta con l’aiuto di un mattarello e andate a distribuirla sui pomodorini. Ripiegate leggermente i bordi, cercando di infilare la pasta tra i pomodorini e il bordo dello stampo. Bucherellate la superficie con una forchetta e infornate per 25-30 minuti in forno preriscaldato a 200 °C. Sfornate, lasciate intiepidire per qualche minuto, dopodiché sformate la torta su di un piatto da portata.

Nota: io ho accompagnato la torta con della burrata. L'ho precedentemente frullata ed ho formato delle piccole quenelle. 

Se siete curiosi di scoprire le ricette che non approdano su queste pagine, ciò che accade dietro le quinte e molto altro seguiteci 
QUI!

Se non volete perdere gli aggiornamenti del blog iscrivetevi 

QUI!

You Might Also Like

4 commenti

  1. Ahh adoro adoro fortissimamente adoro! Che gola che mi fanno le tatin salate! Io ne ho fatta una alle cipolle che era la fine del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona alle cipolle!!!ecco adesso mi fai venir voglia di accendere nuovamente il forno nonostante la calura...
      A me le tatin salate piacciono da morire e sono pure semplici!

      Elimina
  2. Credo che il tocco con la burrata sia fantastico!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo!La tatin di pomodorini è già molto buona, ma con la burrata acquista un tocco in più!!
      un bacio

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe