Pappardelle di farina di castagne con funghi e salsiccia

mercoledì, dicembre 13, 2017

Foto di pappardelle di farina di castagne con funghi e salsiccia

Il nostro primo di natale: pappardelle di farina di castagne con funghi e salsiccia.

Erano anni che volevamo proporre un intero menù a tema natalizio, ma come ormai vi abbiamo raccontato fino alla noia, l’organizzazione non è proprio il nostro forte e così ogni anno arrivavamo tardi. La gestione del blog è piuttosto sgarrupata (anche se non sembrerebbe) e anche quest’anno abbiamo rischiato di ripiegare sui biscotti natalizi dell’ultimo minuto. Niente in contrario con i biscotti, ma volevamo cambiare un po’. L’incapacità di comunicare ci ha messo a dura prova: io proponevo radicchio, la sorella rispondeva chiedendomi il nome dei funghi. Io parlavo di “fondutine” da mettere a specchio sul piatto che fa figo, lei sosteneva che senza un po’ di carne un ragù non si può fare. Frasi che correvano veloci su wa e li si perdevano. Il giorno dopo infatti ricominciavamo da capo. Così il vitello ripieno che avevo in mente è diventato un bel pezzo d’arista, mentre le pappardelle hanno subito non pochi stravolgimenti prima di arrivare alla versione finale. La farina di castagne era l’unica cosa certa; avevamo acquistato un sacchetto di questa farina durante il nostro fine settimana in Garfagnana e ne volevamo approfittare. La pasta fresca fatta con una parte di farina di castagne era già stata sperimentata in passato; stavolta abbiamo voluto abbinarla ai funghi per dare continuità ad un piatto che sa di bosco. Per il sugo abbiamo utilizzato i pioppini ma va bene qualsiasi altra tipologia di funghi. Il sugo ci è piaciuto così tanto che l’abbiamo mangiato anche il giorno seguente in abbinamento ad una buonissima polenta formenton ottofile.

Ci sentiamo la settima prossima per il secondo piatto.

Chiara

Foto con passaggi della preparazione delle pappardelle di farina di castagne con sugo di funghi e salsiccia

Pappardelle di farina di castagne con funghi e salsiccia


Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta:
140g farina 0
80g farina di castagne
2 uova

Per il sugo:
500g funghi pioppini
10g di funghi secchi
1 salsiccia
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
½ bicchiere di vino rosso per sfumare
1 rametto di rosmarino
1 foglia di alloro
Sale e pepe
Olio extravergine d’oliva

Setacciate la farina per darle aria poi su una spianatoia formate una fontana al centro della quale andrete a posizionare le uova. Iniziate a batterle con una forchetta, cercando di amalgamare poca farina per volta. Coprite le uova con la restante farina e iniziate ad impastare con le mani. Lavorate l’impasto fino a che non vi sembrerà liscio. Mettete l’impasto in una ciotola copritelo con la pellicola e fatelo riposare per 20 minuti.  Stendete la pasta con macchinetta. Lasciate la sfoglia ad asciugare leggermente, dopodiché arrotolatela e con un coltello tagliate la sfoglia senza schiacciarla. Allargate le pappardelle così formate sul tagliere e quando si saranno asciugate un po’ formate dei nidi di pasta.
Pulite i funghi freschi e mettete i funghi secchi a rinvenire in una piccola ciotola con dell’acqua. Fate un soffritto con cipolla, sedano e carota. Fate soffriggere il trito insieme ad un aglio intero. Unite il concentrato di pomodoro e in seguito unite la salsiccia privata del budello e spezzettata. Sfumate con del vino. Unite i funghi, un rametto di rosmarino, una foglia d’alloro, mescolate e aggiustate di sale. Fate andare a fiamma bassa, unendo dell’acqua se necessario. Quando i funghi inizieranno ad essere cotti unite anche i funghi secchi tagliati a piccoli pezzi e l’acqua nella quale sono stati fatti rinvenire filtrata. Quando i funghi saranno cotti, spengete e lasciate riposare.

Cuocete le pappardelle in acqua salata. Scolatetele e saltatele con il sugo ai funghi utilizzando una parte dell’acqua di cottura. Servite.

You Might Also Like

0 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe