Spaghetti agretti, olive e pomodori secchi

mercoledì, aprile 30, 2014


La scorsa settimana tra feste e fine settimana lunghi mi sono regalata un paio di zingarate di cui il mio spirito aveva bisogno. Guardare la cartina, montare in macchina e guidare verso luoghi o semplicemente esperienze nuove. Dopo diversi anni ho rivisto una partita di pallavolo seria, ho visitato uno di quei posti che rimangono nel cuore ma dove torni troppe poche volte, ho fatto la turista non lontano da casa. Durante una di queste scampagnate, mentre ero intenta a fotografare uno scorcio, mettendo così in pratica gli insegnamenti del corso di fotografia, un gentile signore mi ha suggerito di spostarmi poco più avanti, dove avrei trovato un posto ancora più bello da fotografare. Aveva ragione, mi ha fatto scoprire un piccolo angolo del suo paese veramente carino. Mi ha fatto da guida lungo il percorso e alla fine si è congedato con un: “Avevo ragione, no?! Ci porto sempre gli americani, a loro piace”.
Tento di tenere a mente questi piccoli attimi di vacanza raccontandoli anche a voi, visto che  questo weekend lungo alle porte prevedo sarà pieno di libri e appunti universitari. Stavolta quindi mi metto nei panni di chi rimarrà a casa, nessuna idea per picnic e scampagnate. Cerco di portare in tavola quello che la bella stagione ci offre con una ricetta semplice e veloce.
Gli agretti non fanno parte della nostra tradizione familiare, ma Chiara ed io li abbiamo amorevolmente adottati cercando di sfruttarli in diversi esperimenti.




Spaghetti con agretti, olive e pomodori secchi

Ingredienti per 4 persone:

240g di spaghetti integrali
350g di agretti
30g di pomodori secchi sott’olio
30g di olive nere
qualche foglia di basilico
uno spicchio d’aglio
olio extravergine d’oliva
sale

Private gli agretti delle radici e lavateli molto bene eliminando tutte la terra residua. Sbollentateli in acqua salata per qualche minute dopodichè scolateli. In una padella soffritegete lo spicchio d’aglio in un poco d’olio, aggiungete gli agretti e regulate di sale. Fate andare per qualche minuto. Scolate i pomodori secchi dal loro olio, tagliateli a strisce sottili e uniteli agli agretti. Aggiungete anche le olive snocciolate e tagliate a metà. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela e saltatela nella padella contente gli agretti. Terminate con qualche foglia di basilico fresco.


You Might Also Like

14 commenti

  1. L'altro giorno pensavo proprio ad una bella ricetta per gustare gli agretti in una maniera diversa dalla solita frittata. Ed eccola qua! ottimo l'abbinamento con i pomodori secchi e le olive! voglio provarla! Brave Calugi sisters! un bacione! Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando entra in gioco il caso non ci si può far niente. Grazie mille Francy un bacio

      Elimina
  2. Che meraviglia... ogni tanto ci vuole proprio... staccare la spina è rigenerante!
    Sai che adoro gli agretti? La tua pasta è straordinaria!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela, concordo con te ogni tanto staccare la spina serve!!

      Elimina
  3. Acciderboli, grazie, ora ho un buon motivo per comprare quegli agretti che da tanto mi chiamano al mercato ma io non so come fare (non li ho mai mangiati!).
    Mi piace l'introduzione, piena di emozioni come sempre sono i vostri post. Non resta che stare qui a leggervi e ammirarvi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica così però ci fai arrossire ;)!! Anche noi non li conoscevamo molto bene fino a qualche anno fa, rispondi agretti che ti chiamano al mercato, non si può rifiutare chiamate dalle verdure!!

      Elimina
  4. Anche a me piacerebbe trovare qualcuno nei vari posti che visito che mi indicasse i posti migliori o più caratteristici da fotografare, anzi, non sarebbe male un servizio così offerto ai turisti, vicini o lontani che siano. Sperando poi di non trovare auto parcheggiate nei posti sbagliati, camion della nettezza urbana, bidoni e cose così :-) Anche noi li usiamo poco gli agretti, però hai realizzato una gran bella ricetta che fa venire voglia.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata la prima volta che mi è capitato di imbattermi in una situazione del genere, quando mi ha salutato avrei voluto dirgli grazie in mille lingue, perché anche se in realtà non ha fatto nient'altro che proseguire per la sua strada scambiando due parole con una perfetta sconosciuta, senza essere invadente, l'ha fatto con tale spontaneità e orgoglio buono nel far vedere i suoi posti che mi hanno riempita di belle sensazioni!!

      Elimina
  5. fame nera...quanta abbondanza...una forchettata a questo piatto gliela darei volentieri adesso!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quante volte vorrei entrare nei pc io e rubare forchettate di pasta e morsi di torta ;)
      Baci

      Elimina
  6. Io è da un bel po' che mi riprometto di utilizzare gli agretti (che qui si chiamano barbabuc), ma non ho ancora trovato una ricetta che mi convincesse appieno.
    E sai che questa, nella sua semplicità, invece mi dice molto?!
    Bravissima, anche per aver colto l'opportunità di qualche zingarata, che a me manca moltissimo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta questa ricetta, è semplice e veloce, perfetta anche per quando non si ha tempo o voglia di cucinare ma si vuole qualcosa di buono da mettere in tavola!!

      Elimina
  7. Ciao Marta, bel piattino che invoglia un bel po di forchettate! Devo provare questi agretti , li ho visti al super ieri ero tentata ma non li ho presi, peccato. Ma la prossima volta non mancherò :). Un saluto, Angela

    RispondiElimina
  8. Ho sempre mangiato gli agretti con un filo d'olio e limone, ma devo dire che questa pasta mi piace moltissimo! replicherò!
    Un abbraccio!:)

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe