Fregola con polpo

lunedì, luglio 10, 2017


Poco meno di un anno fa di ritorno da una vacanza in Sardegna, su una macchina stracarica, trova posto un pacco di fregola o fregula sarda. Parte del mio regalo per Chiara. Dopo quasi un anno abbiamo deciso di utilizzarla per il primo pranzo di “ritorno” della cucina spontanea, cucinata assieme al polpo alla luciana.
Ritorno, sì perché come vi avevo raccontato in questo post sono stata presa da altro, stesura e discussione della tesi mi hanno assorbito talmente tanto che la cucina spontanea è rimasta chiusa nelle ultime settimane.
Nonostante le pessime premesse ovvero: camicetta e pantaloni comprati per l’occasione macchiati in modo visibile ed indelebile una volta arrivata in facoltà, cercare di risolvere il problema con pennarelli neri, tutto è si è concluso al meglio. La chiara percezione di come si siano svolti quei dieci minuti non l’ho avuta, ne ho ancora ben realizzato di essere arrivata al termine di questo lungo percorso e di non essere più “quasi ingegnere”, ma pare sia tutto vero. Ci sono pure testimoni e foto che possono testimoniarlo.
Tornando a  noi, ed al motivo per cui state leggendo queste pagina, la fregola ha origini molto antiche. E’ una pasta simile al cuos cous, piccole palline ottenute dalla lavorazione a mano per fregamento della semola con l’acqua, successivamente tostate. Questo tipo di pasta appartiene alla tradizione culinaria sarda e viene utilizzata per primi a base di pesce e crostacei o per minestre.

Noi abbiamo scelto di utilizzarla in abbinamento al polpo alla luciana, preparando prima quest’ultimo per andare poi a cuocere la fregola nel suo sugo in modo che ne assorbisse il tutto il sapore. 


Fregola con polpo


Ingredienti per 4 persone:

520g di polpo
250g di fregola
200g di salsa di pomodoro
1 manciata di capperi
1 manciata di olive taggiasche
1/2 cipolla fresca
1 aglio
peperoncino
Origano
Qualche foglia di basilico
olio extra vergine d’oliva

In un tegame largo dal fondo spesso, fate soffriggere la cipolla tritata fine e lo spicchio d’aglio intero con un filo d’olio. Una volta che sarà la cipolla sarà diventata trasparente, eliminate l’aglio, e aggiungete il pomodoro. Lasciate andare per qualche minuto poi unite i capperi, l’origano, il peperoncino e il polpo intero. Allungate con l’acqua in modo da coprire il polpo. Coprite e lasciate cuocere a fiamma bassa fin quando il polpo non sarà divenuto tenero. A cottura quasi ultimata aggiungete le olive e il basilico. Una volta cotto, rimuovete il polpo dal tegame e tagliatelo a pezzetti. Nel frattempo, allungate con dell’acqua il pomodoro rimasto, fate sobbollire leggermente dopodiché aggiungete la fregola. Fate cuocere per circa 15 minuti. Verso la fine aggiungere nuovamente il polpo per far amalgamare bene i sapori.

Con questa ricetta partecipiamo alla Giornata che il Calendario del Cibo Italiano dedica alla fregola:
Logo calendario del cibo italiano 

You Might Also Like

5 commenti

  1. E' iniziato il "Summery food contest" sul mio blog! Se ti va di partecipare dacci un'occhiata: https://libertycesca.blogspot.it/2017/07/summery-contest-quando-lestate-si-mette.html
    A presto! Francesca Maria

    RispondiElimina
  2. I primi anni, tanti fa. quando tornavo dalla Sardegna avevo pacchi di malloreddus e pacchi di fregola, e bottarga il mio grande amore, sono riuscita a portare anche chili di semola rimacinata lasciamo perdere ;) poi ho cominciato a trovare tutto anche a Roma e ho smesso. Questo polpo alla Luciana con la fregula mi incuriisisce molto penso che lo farò presto, bello e bella foto...saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tamara!!
      Qua si trova e non si trova, quella che ogni tanto fa capolino nella grande distribuzione non tiene molto la cottura, però c'è un laboratorio artigianale che ogni tanto la tiene ed è molto buona. L'idea del polpo alla Lucina con la fregola ammettiamo che l'abbiamo copiata dalla cognata di Chiara che l'ha servita per un pranzo in famiglia lo scorso. A presto

      Elimina
  3. bellissima idea col polpo! Buonissima di sicuro, già ne sento il sapore in testa...approfitto per fare i complimenti al neoingegnere, con l'augurio che possa realizzare tutti i suoi sogni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero Giuliana, non sai quanto piacere mi ha fatto il tuo messaggio. gli auguri mi servono tutti, ora inizia il difficile :)
      un abbraccio

      Elimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe