Il tempo della vendemmia

martedì, ottobre 01, 2013


Chi sta in campagna lo sa, da inizio settembre fino ad ottobre è tempo di vendemmia. In questo periodo dell'anno capita di incontrare per le strade trattori carichi di uva diretti verso le cantine e gruppi di persone tra i filari intente a vendemmiare.
Da piccole partecipavamo anche noi a quel rito che è la vendemmia: a casa dei nonni materni, parenti e amici si riunivano per raccogliere l’uva e anche noi bambine cercavamo di dare il nostro contributo. Cinque cugine intente a tagliare i grappoli d'uva con le loro forbicine blu e fare la spola tra i campi e la casa per portare ai grandi qualcosa con cui rifocillarsi. Alla fine della giornata, anche se avevamo passato la maggior parte della giornata a giocare e a ricorrerci per i campi, c'era sempre una piccola ricompensa. 
Alcuni di questi filari che occupavano il campo dei nonni erano dedicati a della buonissima uva da tavola. Da piccola mi divertivo a togliere la buccia agli acini e mangiare solo la polpa. Mangiare un grappolo richiedeva un grosso impegno, ma la soddisfazione di quel sapore dolciastro ripagava gli “sforzi”.
Da grande invece di complicarmi la vita sbucciando acini ho scelto di metterla sul fuoco. L’abbinamento è stato semplice, il sapore dolciastro dell’uva ben si sposa con il maiale.


Arista all’uva
750 gr di arista di maiale
300 gr di uva bianca
1 bicchiere di vino bianco
1 spicchio d’aglio
1 rametto di rosmarino
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe

Legate la carne e sistemate un rametto di rosmarino tra la carne e lo spago. In una casseruola scaldate l’olio aggiungete l’aglio e fate rosolare la carne a fiamma alta per qualche minuto. Sfumate con del vino, salatela, pepatela e quando sarà uniformemente dorata trasferitela nel forno preriscaldato a 180 °C, insieme agli acini del’uva. Cuocete per 1 ora e e venti minuti. Togliete dal forno e lasciate riposare per una decina di minuti prima di tagliarla a fette.


You Might Also Like

12 commenti

  1. Mi sembra di rivedermi tra i filari giù nel campo a raccogliere l'uva e pigiarla nelle bigonce e succhiare il succo....bei tempi...
    Buona l'arista con l'uva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco pigiare l'uva nelle bigonce mi manca, mai fatto!!Anche a me mancano tanto quelle domeniche passate dai nonni a vendemmiare..

      Elimina
  2. il tuo racconto evoca momenti lontani e poetici.
    Buona l'arista.
    Baci,
    Cri

    RispondiElimina
  3. Grande blog, verrò di nuovo qui!
    La ricetta è incoraggiante, sembra grande!

    RispondiElimina
  4. Non sono per niente carnivora, però ti giuro che di questa ne assaggerei volentieri una fetta!
    E poi anch'io da piccola toglievo la buccia dagli acini ... ora mi limito ai semini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ora tolgo solo i semini, abbiamo fatto dei passi avanti che dici?!

      Elimina
  5. Che fame, adoro questo piatto che ci proponi, lo devo provare, sembra così buono!!

    RispondiElimina
  6. Periodo magico quella della vendemmia. Non l'ho mai fatta ma è una delle cose che mi piacertebbe davvero tanto fare.
    Quegli acini caduti nella ricetta sono una chiccheria.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente.Io mi ricordo tanto divertimento, tanta fatica e dei buonissimi pranzi!!!

      Elimina
  7. Chiara, che bello il tuo racconto!
    Io non ho mai partecipato ad una vendemmia, ma mi piacerebbe molto. Dev'essere un momento importante per la famiglia, per ritrovarsi e divertirsi.
    Quei chicchi preziosi rendono il piatto davvero unico! buonobuono!

    RispondiElimina

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Il contenuto (immagini e testi) di questo blog NON può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

Popular Posts

Lettori fissi

Subscribe